28320 il ragazzo che urlava in silenzio, il libro di Filippo Guidi

“28320 il ragazzo che urlava in silenzio”, nel Giorno della Memoria l’esordio del giovane spoltorese Filippo Guidi, pronto ad inaugurare il suo ingresso nel frizzante mondo Masciulli Edizioni con “28320 il ragazzo che urlava in silenzio”, la sua prima pubblicazione che suona come eco proprio nel giorno della Memoria in questo 2021.

“L’idea del libro è nata il 3 aprile 2019 durante la gita dell’ultimo anno delle superiori – spiega l’autore e prosegue, –  in quel giorno siamo stati in visita al Campo di Concentramento di Dachau, io avevo con me la mia macchinetta fotografica e ho iniziato a scattare le foto all’interno del campo. Proprio mentre scattavo queste foto, ho immaginato cosa potesse significare vivere la vita nel campo e così è nata la storia nella mia testa”.

“Fin da piccolo – prosegue Filippo – ho sempre avuto la passione per la scrittura, che ho coltivato in maniera silenziosa. Il perché della pubblicazione del libro è arrivato solo dopo la sua conclusione. Volevo cercare di dare, nel mio piccolo, un contributo alla memoria di questa parte di storia così significativa e così importante. Io sono sempre stato un appassionato di storia in generale e in particolare mi ha sempre colpito la Seconda Guerra Mondiale”.

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

IASRIC, convegno nazionale sulla Seconda guerra mondiale

L’Istituto Abruzzese per la Storia della Resistenza e dell’Italia Contemporanea (IASRIC), promuove due giornate di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *