L’Osservatorio

Pubblica Amministrazione, lo smart working porta ad aumentare la produttività

“Il ricorso (forzato) allo smart working durante l’emergenza Covid-19 per la gran parte dei dipendenti pubblici e’ stata un’esperienza positiva, che ha portato in qualche caso addirittura a un aumento di produttivita’”. Cosi’ un sondaggio di presentato in apertura del Forum Pa, organizzata da Fpa, societa’ del Gruppo Digital360. “Per 7 lavoratori …

Leggi Tutto »

Turismo, si prevede un’estate a contatto con la natura

Per l'estate che verra', Alpitour ha raccolto una selezione di 111 strutture in Italia che privilegiano la privacy e vanno incontro alle ultime esigenze dei viaggiatori: le proposte appartengono alla linea AlpiGreen e ai cataloghi Mare in Italy e Montagna, che propongono soluzioni indipendenti e a stretto contatto con la natura, per dare risposte concrete a chi vuole andare in vacanza in sicurezza, ma senza rinunciare al comfort. L'Italia e' entrata nella fase due, una speranza che apre l'orizzonte dopo mesi di lockdown che ha messo a dura prova ogni settore e costretto a casa tutti noi. Le restrizioni si stanno gradualmente allentando, ma e' inevitabile che la prossima estate portera' con se' regole stringenti ed esigenze inedite per i viaggiatori di tutto il mondo: le ricerche segnalano una forte propensione a partire, pur privilegiando un turismo di prossimita', attento agli spazi e alle attivita' all'aperto. Nuove esigenze a cui Alpitour ha risposto con 111 proposte in Italia, selezionate perche' immerse nel verde e particolarmente adeguate al nuovo scenario post emergenza: si tratta della nuova linea AlpiGreen e del catalogo Montagna, che presentano 30 soluzioni, oltre al catalogo generalista Mare in Italy

Negli ultimi anni, l'attenzione alla natura si e' progressivamente consolidata come filosofia e stile di vita, orientando sempre piu' le scelte dei consumatori. Per questo, ancor prima dell'avvio dell'emergenza, Alpitour ha scelto di realizzare il catalogo AlpiGreen, con un'ampia collezione di proposte fra glamping, lodge e mobil home, per vacanze ad "ampio respiro" e a stretto contatto con l'ambiente, pur senza rinunciare alla cura dei dettagli e ai comfort. Si tratta di soluzioni indipendenti, che consentono il pieno rispetto della privacy e di poter passare molto tempo all'aria aperta, grazie anche agli spazi privati disponibili, come verande e giardini. Fra le destinazioni, ovviamente il focus principale sara' l'Italia, con ben 12 proposte: quattro in Sardegna, due in Toscana, due in Veneto e altre in Puglia, Lazio, Abruzzo e Friuli. Sono tutte raggiungibili anche autonomamente e in grado di offrire una totale liberta' di gestione della vacanza, oltre ad essere situate in posizioni strategiche, in riva al mare e a breve distanza da centri di interesse, permettendo cosi' di poter effettuare anche escursioni private alla scoperta delle bellezze del territorio circostante.

Leggi Tutto »

L’incidenza di poverta’ assoluta riguarda il 6,5% delle famiglie

Nel 2019 si confermano i progressi nella riduzione della poverta' in Italia: l'incidenza di poverta' assoluta riguarda il 6,5% delle famiglie e il 7,8% degli individui (7,8% e 8,4% nel 2018). Sono i dati piu' recenti contenuti nel Rapporto sui Sustainable Development Goals (SDGs) 2020 diffuso dall'Istat. Nel 2018 la popolazione a rischio poverta' ammonta a 16,4 milioni di individui, in calo rispetto all'anno precedente ma sempre sopra il livello europeo. Inoltre il prolungato lockdown imposto dalla diffusione del coronavirus portera' ad una forte contrazione dei consumi nella media di quest'anno. L'istituto nazionale di statistica traccia due scenari: il primo che prevede lo stop delle attivita' a marzo e aprile, il secondo fino a fine giugno. Nel primo caso la contrazione dei consumi finali delle famiglie si attesterebbe al 4,1% in media d'anno, nel secondo caso al 9,9%.

 Nel 2018, la popolazione a rischio di poverta' o esclusione sociale e' pari al 27,3% (circa 16 milioni e 400 mila individui), in diminuzione rispetto all'anno precedente (28,9%). Il livello italiano rimane comunque superiore a quello europeo (21,7% nel 2018 dal 22,4% del 2017). Anche analizzando i tre indicatori che compongono il rischio di poverta' o esclusione sociale, la situazione nel 2018 (redditi 2017) e' in miglioramento, ad eccezione del rischio di poverta', che riguarda il 20,3% della popolazione ed e' stabile rispetto al 2017 (redditi 2016); sono in diminuzione la grave deprivazione materiale (8,5% nel 2018, dal 10,1% nel 2017), e la quota di chi vive in famiglie con una intensita' di lavoro molto bassa (11,3% da 11,8%). IN POVERTA' ASSOLUTA 5 MLN PERSONE, AL SUD 10% FAMIGLIE Sono oltre 1,8 milioni le famiglie in condizioni di poverta' assoluta nel 2018, con un'incidenza pari al 7,0%, per un numero complessivo di 5 milioni di individui (8,4% del totale), rileva l'Istat. Pur rimanendo ai livelli massimi dal 2005, nel 2018 si e' arrestata dopo tre anni la crescita del numero e della quota di famiglie in poverta' assoluta. Le famiglie in condizioni di poverta' relativa nel 2018 sono poco piu' di 3 milioni (11,8%), quasi 9 milioni di persone (15,0% del totale). L'incidenza delle famiglie in poverta' assoluta si conferma notevolmente superiore nel Mezzogiorno (9,6% nel Sud e 10,8% nelle Isole) rispetto alle altre ripartizioni (6,1% nel Nord-Ovest e 5,3% nel Nord-est e del Centro)

Leggi Tutto »

Auto, il mercato ai livelli più bassi da inizio secolo

A causa della pandemia di Covid-19, il mercato auto tocchera' il livello piu' basso mai registrato da inizio secolo: tra marzo e aprile, il crollo medio e' stato dell'80%, con 370 mila prime iscrizioni di veicoli in meno, 300 mila delle quali auto. A maggio non si e' registrata una ripresa significativa, anche se, a fine mese, la flessione potrebbe risultare piu' contenuta, grazie alla ripartenza della produzione di alcuni brand di componenti e concessionari. E' quanto emerge dai dati dell'Aci riportati nell'Annuario Statistico 2020 e in Autoritratto 2019, stimando che, nel 2020, le prime iscrizioni di veicoli nuovi di fabbrica scenderanno ben al di sotto degli 1,6 milioni rilevati nel 2013. E' verosimile, infatti, che saranno in molti a rinviare l'acquisto di un'auto, a causa della pesante crisi economica conseguenza del lockdown. E' molto probabile, poi, che tra i motivi principali di questo rinvio ci sia l'attesa dell'erogazione di incentivi da parte del Governo, come richiesto a gran voce da tutti gli operatori del settore, per facilitare il rilancio del mercato. Le Regioni piu' penalizzate saranno quelle del Sud che, gia' oggi, presentano un indice trasferimenti/prime iscrizioni notevolmente piu' elevato rispetto alla media nazionale di 1,6 (3,6 acquisti di auto usate per ogni acquisto di auto nuove), e dove le autovetture Euro 0-1-2-3 costituiscono il 44,5% (media Italia 32,5%)

Pesanti le conseguenze per l'ambiente: aumentera', infatti, l'eta' media delle autovetture in circolazione, oggi pari a 11 anni e 5 mesi, e mentre la tecnologia avanza continueremo ad avere in circolazione 1 auto su 5 di classe Euro 0-1-2 (da 18 anni in poi). In frenata anche le immatricolazioni delle autovetture ibride ed elettriche, (agevolate dagli ecoincentivi erogati dal 2015 al 2019), soprattutto a causa del prezzo, generalmente, piu' elevato. All'opposto, a dispetto del netto calo delle auto nuove a gasolio riscontrato a partire dal 2018, le prime iscrizioni di marzo ed aprile scorso dicono che questo tipo di alimentazione potrebbe tornare ad essere il preferito dagli acquirenti. I dati dell'Aci ricordano anche quanto sia importante il settore automobilistico per il nostro Paese: la media nazionale del rapporto autovetture/popolazione e' pari a 655 auto ogni 1000 abitanti, mentre, prendendo in considerazione tutti i veicoli, il rapporto sale a 868 ogni mille abitanti. Nelle citta', mediamente, circolano 643 auto ogni 1000 abitanti: il valore massimo a L'Aquila (776) e Frosinone (775), il minimo, oltre Venezia (424), a Genova (469) dove sono molto usati i motocicli e Milano (501), grazie all'efficienza del TPL e alla diffusione di altre forme di mobilita'.

L'Annuario Statistico dell'Aci fotografa anche i costi sostenuti dagli italiani per l'automobile: nel 2019 sono stati spesi 155 miliardi, sostanzialmente in linea con l'anno precedente (+0,3% a prezzi costanti). L'esborso maggiore se ne va nell'acquisto (49 miliardi), poi in carburante (39 miliardi) e manutenzione (26 miliardi). In aumento le voci relative a pneumatici, manutenzione, parcheggi e pedaggi autostradali, in leggera diminuzione quelle relative all'acquisto e ai premi Rca. Anche la componente fiscale dei trasporti, lo scorso anno pari a 65 miliardi, e' risultata in linea con il 2018: l'entrata maggiore per l'erario e' stata per la vendita dei carburanti (circa 35 miliardi), seguono l'Iva per l'acquisto del veicolo (circa 8,5 miliardi), e la tassa automobilistica (6,7 miliardi). 

Leggi Tutto »

Indice produzione costruzioni a marzo -36,2%

A marzo 2020 si stima che l'indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni diminuisca drasticamente, registrando un calo del 36,2% rispetto a febbraio 2020. Lo rileva l'Istat, specificando che nella media del primo trimestre 2020, la produzione nelle costruzioni mostra una flessione del 6,8% rispetto al trimestre precedente. Su base annua l'indice grezzo della produzione nelle costruzioni diminuisce del 33,1%, mentre l'indice corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 22 contro i 21 di marzo 2019) cala del 35,4%. 

Leggi Tutto »