A Roma performance di Iomidifendo. Sul palco di piazza del Popolo la dimostrazione applaudita di difesa personale.

A Roma performance di Iomidifendo. Sul palco di piazza del Popolo la dimostrazione applaudita di difesa personale.

Sul palco i maestri che hanno animato la performance di autodifesa personale. Niente timori per Franco Ribello, Mario Trotta, Stefano Narciso e Federica Francesca Caglio, anche di fronte ad un pubblico delle grandi occasioni, con una piazza del Popolo a Roma colma per l’evento politico clou, il comizio elettorale di Fratelli d’Italia per il candidato sindaco Michetti e della leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. L’idea di presentare le tecniche di difesa è stata dell’associazione Iomidifendo, nata ad Ortona per promuovere quelle tecniche della tutela personale con l’utilizzo di dispositivi al capsicum, comunemente chiamati: “pistole al peperoncino”. Il gruppo di Maestri, – tutti con alle spalle una consolidata esperienza sportiva, agonista e di arti marziali – è stato invitato per una dimostrazione del suo sistema di autodifesa. In una piazza del Popolo curiosa e attenta hanno potuto dimostrare, seppur con un tempo a disposizione di pochi minuti, di fronte un pubblico di 10 mila persone, alcuni dei concetti e delle strategie del sistema Iomidifendo nella difesa personale per le donne, gli uomini e le forze dell’ordine. 
Molto convincente le spiegazioni offerte e la visione del gruppo improntata alla legalità ed al rifiuto di ogni forma di violenza.
“L’associazione”, si ricorda in una nota di presentazione, “negli ultimi 5 anni, ha aiutato circa 400 donne ed una sessantina di uomini a tutelare la propria vita grazie a questi dispositivi e ad un addestramento specifico, ed è particolarmente attiva nella tutela delle donne, sopra tutto in questi tempi in cui il femminicidio è diventato un fenomeno dilagante ed estremamente allarmante”.
La missione della Iomidifendo è quella di diffondere la cultura dell’autotutela e la conoscenza delle leggi che regolamentano la difesa personale. “Fornendo al contempo gli strumenti”, spiegano i promotori, “per esercitare questo diritto senza arrecare danni fisici permanenti agli aggressori, grazie ai dispositivi al capsicum, ma arrestando immediatamente l’azione criminale e permettendo agli aggrediti di aver salva la vita”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

La scrittrice ortonese Sonia Bucciarelli presenta il suo nuovo libro

Domenica 24 Ottobre 2021 alle ore 17:30 a Ortona, nella sala Eden su Corso Garibaldi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *