Blutec, Paolucci: la Regione risponda subito alle richieste dei sindacati

La Regione risponda subito alle richieste dei sindacati e fissi nel minor tempo possibile una data per un incontro. È l’invito del Consigliere regionale del Pd Silvio Paolucci che interviene sulla vicenda che riguarda la Blutec di Atessa. Paolucci a questo proposito esorta l’amministrazione regionale “a chiedere con forza la riapertura del tavolo nazionale, con lo scopo principale di tutelare i livelli occupazioni dell’azienda”. 
 “Dal 17 aprile – spiega il Consigliere del Pd – le sigle sindacali attendono riscontro per approfondire le problematiche che hanno coinvolto lo stabilimento Bluetec. Le vicende giudiziarie della Blutec di Termini Imerese, purtroppo, hanno travolto anche il sito di Atessa e inficiano la trattativa di cessione alla società MA srl. L’avvio della gestione del Commissario giudiziario genera incertezza tra i ricercatori, i dipendenti, i lavoratori: col timore che Sevel possa cedere le commesse ad un altro fornitore abbandonando la Blutec al proprio destino senza la cessione ad MA srl, con grave danno per i lavoratori e per il territorio”.

“La vicenda – sottolinea Paolucci – evidenzia come stia venendo meno quell’attenzione espressa dal precedente governo regionale, grazie al lavoro dispiegato dal Vicepresidente Lolli. Un’attenzione volta a condividere ogni passaggio Istituzionale con le parti in campo, al fine di affrontare al meglio le vertenze aziendali, le crisi occupazionali e le politiche industriali e, al contempo, capace anche di assicurare una vicinanza, politica e umana, ai problemi dei lavoratori e delle loro famiglie. Oggi sta mancando proprio questo approccio e, come opposizione, è nostro dovere tenere alta l’attenzione su questa come sulle altre vertenze che coinvolgono il tessuto economico abruzzese”. 

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Ortona, Di Nardo: Il Comune chiede la Tari anche a agli agricoltori esentati dal pagamento

Una pioggia di richieste di pagamenti Tari, rivolta a quegli agricoltori che invece sono, per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.