Il Comune di Sante Marie lancia il concorso Una cartolina contro la guerra

Il Comune di Sante Marie lancia il concorso “Una cartolina contro la guerra”, in collaborazione con tutte le associazioni del paese, per ribadire il no al conflitto bellico in corso e raccogliere fondi a sostegno della popolazione. L’iniziativa, promossa dall’assessore ai Servizi sociali, Simonetta Lattanzi, ha l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica, e in modo particolare i giovani, sui temi della giustizia sociale, della non violenza, della libertà, dei diritti umani, ma soprattutto della pace intesa come lo sviluppo della propria comunità attraverso l’abitare, il cibo, il lavoro, lo studio, l’arte, lo sport, la musica, il culto religioso e altre attività comuni.

Lo scopo è anche quello di valorizzare i talenti del territorio, con il fine di costruire e vivere momenti di unione, di comunione nello scambio d’idee costruttive e virtuose, ribadendo un chiaro e forte no alla guerra. “L’iniziativa è rivolta a tutti coloro che vorranno dare il loro contributo attraverso l’invio di un’opera artistica che rispetti le norme del regolamento”, ha spiegato l’assessore Lattanzi, “in particolare gli artisti dovranno donare la cartolina, realizzata su tema libero, e farla recapitare entro il 23 aprile, o tramite posta all’indirizzo Comune di Sante Marie piazza Aldo Moro 1, 67067, oppure a mano all’ufficio protocollo dell’ente.

Il 24 aprile, a partire dalle 18, ci sarà nella chiesa del Sacro Cuore di Sante Marie la presentazione delle cartoline e un concerto per la pace con gli artisti locali. Chi vorrà, poi, durante l’evento potrà acquistare la cartolina e i fondi raccolti saranno devoluti per il sostentamento delle persone colpite e in fuga dalla guerra in collaborazione con la Croce Rossa Italiana, comitato di Carsoli”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Corso di sceneggiatura alla Scuola Macondo di Pescara con Pietro Albino Di Pasquale

Partirà il 7 marzo il Corso di sceneggiatura per la Scuola Macondo di Pescara (via De Cesaris, 36): sono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *