Meritocrazia Italia: priorità a scuola, sanità, testo unico, fiscale e giustizia

“Per quanto la gravità della crisi del mercato del lavoro sia pacifica e continuo oggetto dei proclami di strategie politiche, non è ancora definito un adeguato piano di interventi. Meritocrazia Italia confida nell’opportunità di adottare misure programmatiche ben diverse dai sussidi finanziari a pioggia. Più importante sarà operare una seria revisione del sistema degli ammortizzatori sociali e attivare politiche del lavoro realmente incisive, per assicurare flessibilità e sicurezza al mercato. Le priorità sono Scuola, Sanità, Testo Unico, Fiscale, Giustizia”. Lo afferma Walter Mauriello, Presidente Meritocrazia Italia.

“Sarà importante che un Governo possa finalmente equilibrare i perimetri di azione dei poteri dello Stato. Il caso Palamara non può e non deve essere sottovalutato. Servirebbe una riforma immediata del CSM e l’azzeramento del correntismo per “liberare” il 95% della magistratura che è leale con la funzione delicata che quotidianamente svolge. Meritocrazia reputa anche fondamentale riformare il sistema reddito di cittadinanza in reddito di inclusione o reddito di sostegno, agganciati a schemi formativi, utili all’effettivo inserimento nel mondo del lavoro; predisporre sistemi di premialità a favore delle imprese in grado di mantenere o incrementare il livello di occupazione in essere; prevedere sgravi fiscali e chiusura tombale dei debiti verso lo Stato soprattutto quelli incagliati, soggetti a procedure espropriative che di fatto garantiranno già un pagamento inferiore, con pagamento a saldo e stralcio; azzeramento delle segnalazioni CRIF dando a tutti la possibilità di essere riabilitati al credito, promuovere il risanamento del comparti maggiormente afflitti dall’emergenza, tra i quali turismo, sport e moda, e la maggior tutela dei lavoratori del settore; ristrutturare il settore sanitario anche sotto il profilo della formazione e del reclutamento; favorire l’occupazione delle persone diversamente abili; promuovere politiche di conciliazione e welfare anche nelle professioni; e insistere nelle utilità delle ZES con l’attivazione di nuove aree speciali”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Sulmona, detenuto tenta il suicidio in cella

Un detenuto ha tentato di impiccarsi nel carcere di Sulmona. L’episodio si è verificato attorno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *