Secondo arresto per un furto nel camping teramano

E’ stato arresto il complice del marocchino di anni 29 che, il 12 agosto scorso era fuggito, facendo perdere le sue tracce, dopo che i due erano entrati dalla spiaggia direttamente in un camping della costa teramana, per rubare all’interno di un bungalow le chiavi dell’auto di un turista della provincia di Bologna. Dopo aver rubato la Fiat Qubo, i due, intercettati dalla pattuglia di Polizia che stava effettuando un servizio di controllo, hanno avviato una rocambolesca fuga che si è conclusa con lo speronamento dell’auto della Volante e con l’arresto di uno dei due fuggitivi, mentre proprio l’autista del mezzo rubato si dileguava facendo perdere le proprie tracce.

Fuga terminata, quando personale delle Volanti della Questura di Teramo, diretti dalla Patrizia Corvaglia, ha eseguito l’ordinanza della misura cautelare in carcere, emessa dalla Procura della Repubblica di Teramo a carico di un 29enne, anch’esso nativo del Marocco.

Il giovane è stato rintracciato a Martinsicuro, in un casolare abbandonato dove lo stesso aveva trovato rifugio.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Pescara, allestite due isole ecologiche in centro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *