Assegno unico. La Cgil: da marzo 2022 in busta paga a 163 mila famiglie di Abruzzo e Molise

Il Segretario Generale della Cgil Abruzzo Molise, Carmine Ranieri, fa sapere che la sigla sindacale è pronta “da subito in campo per assistere lavoratori e lavoratrici” per assistere i lavoratori con la misura dell’assegno unico per i figli minori. L’assegno nasce provvisoriamente a luglio 2021, introdotto per autonomi e disoccupati, e diventa definitivo con la legge di bilancio 2022 che prevede l’estensione anche alle famiglie di lavoratrici e lavoratori dipendenti. I nuclei familiari beneficiare della novità sono stimati essere circa 34 mila in provincia di Pescara, 39 mila in provincia di Chieti, 30 mila a L’Aquila, 32 mila a Teramo, 20 mila a Campobasso e 8 mila a Isernia. L’assegno unico sostituirà detrazioni e assegni familiari, e lo stesso assegno per i nuclei familiari con almeno 3 figli minori, il premio alla nascita e il bonus bebè che non saranno più percepiti. Per stabilire l’importo a cui si avrà diritto, -da 50 a 175 € mensili potenzialmente maggiorabili a seconda dei casi di disabilità, di famiglie con più di due figli, di madri under 21 o di genitori entrambi lavoratori dipendenti- sarà necessario compilare la dichiarazione ISEE con i redditi relativi all’anno 2020 o senza ISEE per farsi riconoscere l’importo mensile minimo di 50 Euro per figlio a carico.
La Cgil Abruzzo Molise metterà a disposizione gli uffici del CAF e del Patronato INCA sia per la compilazione dell’ISEE che per la domanda di assegno unico.

(di R. Matteo D’Angelo)

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Pescara, ruba uno zaino da un’auto in sosta e preleva denaro dalla carta di credito prima di essere arrestato

Gli agenti della Squadra Volante di Pescara hanno arrestato un 55enne di Barletta per furto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.