Autostrade A24 e A25, Anas riprende la gestione

“In relazione a quanto disposto dal Consiglio di Stato in data 1 agosto, in merito al subentro nella gestione delle autostrade A24 e A25, Anas (Gruppo FS Italiane) ha ripreso la gestione delle due tratte autostradali”. Lo rendere noto Anas dopo la decisione del Consiglio di Stato che il primo agosto scorso ha riformato le due sospensive del Tar in merito alla revoca in danno, adottata dal Consiglio dei Ministri il 7 luglio scorso, della concessione delle autostrade laziali ed abruzzesi A24 e A25 nei confronti di Strada dei Parchi, del gruppo industriale abruzzese Toto.

“In questo quadro – si legge ancora nella nota dell’ufficio stampa -, Anas sta operando al fine di assicurare la continuita’ della circolazione lungo le tratte autostradali, avvalendosi del personale di Strada dei Parchi S.p.a., della Parchi Global Services S.p.a. e della Infraengineering S.r.l, che potra’ in prosieguo assumere cosi’ come espressamente previsto dal Decreto Legge n.68/2022 – si legge nella nota dell’ufficio stampa -. Con il perfezionamento dell’iter amministrativo, Anas ha in corso l’acquisizione dei dati e della documentazione inerenti la gestione delle infrastrutture, gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria e l’implementazione e avvio di nuovi ulteriori interventi manutentivi e di messa in sicurezza, di adeguamento sismico e sta procedendo all’individuazione di ogni ulteriore intervento ritenuto necessario di concerto con il Ministero delle infrastrutture e della mobilita’ sostenibili”. Anas precisa infine che “attraverso dei sopralluoghi mirati, effettuati con il proprio personale di sorveglianza, si sta procedendo, inoltre, alla verifica della presenza di cantieri lungo le tratte autostradali, anche in ottica dell’esodo estivo”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Giro di fatture false, sequestrati beni per 2 milioni a 22 amministratori di societa’

Beni mobili ed immobili, nonche’ denaro e quote sociali, sono stati sequestrati nei confronti di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *