Confiscati due milioni di euro a una societa’ tra Pescara e Chieti

Confiscati due milioni di euro a una societa’ finita nei mesi scorsi nel mirino della Guardia di Finanza che ha dato esecuzione a un provvedimento emesso dal Tribunale dell’Aquila. I beni oggetto della confisca, patrimonio immobiliare, societario e finanziario nelle province di Pescara e Chieti, sono riconducibili a un imprenditore gia’ destinatario della misura cautelare degli arresti domiciliari nel 2019, con l’accusa di aver condotto al fallimento due societa’ dopo aver accumulato debiti nei confronti dell’Erario per oltre 2,5 milioni di euro, omettendo il versamento delle imposte.

E’ stata, cosi’, acquisita definitivamente al patrimonio dello Stato la totalita’ delle quote di una societa’ di capitali, operante nel settore immobiliare, comprensive di tutti i beni aziendali nonche’ immobili, terreni, conti correnti bancari e un’autovettura di grossa cilindrata. 

Il patrimonio sottoposto a confisca verra’ gestito dall’Agenzia Nazionale per i beni Sequestrati e Confiscati che ne curera’ la destinazione e il riutilizzo a fini sociali. Il provvedimento arriva al termine di complesse indagini eseguite in applicazione del Codice Antimafia, nel cui ambito il Tribunale dell’Aquila – Sez. Specializzata Misure di Prevenzione, condividendo le risultanze investigative delle Fiamme Gialle di Pescara e accogliendo la proposta di sequestro formulata dalla Procura di Pescara, aveva disposto, lo scorso 14 ottobre, il sequestro dei beni.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Atri, aperta la Porta Santa della Basilica

E’ stata aperta la Porta Santa della Basilica di Santa Maria Assunta ad Atri,  un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.