Coronavirus, accordo sui ricoveri nel covid hospital di Pescara

In base all’evoluzione dell’andamento della pandemia e delle conseguenti necessita’ di ricovero dei pazienti Covid piu’ gravi, le 4 Asl dell’Abruzzo valuteranno la possibilita’ di concentrare i degenti in un’unica struttura di rianimazione, ovvero il ‘Covid hospital’ di Pescara. L’accordo, raggiunto nel corso dell’incontro convocato dall’assessore regionale alla Salute Nicoletta Veri’ a cui hanno partecipato il direttore del Dipartimento regionale Sanita’, Claudio D’Amario, il direttore dell’Agenzia sanitaria regionale, Pierluigi Cosenza, il referente regionale per le maxi emergenze sanitarie, Alberto Albani, e i direttori generali delle Asl prevede la messa a disposizione del personale necessario a garantire l’assistenza sulla base di accordi tra le singole aziende. E’ l’intesa raggiunta a Pescara. Il summit, al termine del quale nessuno ha rilasciato dichiarazioni, ha sancito una decisa apertura alle istanze dell’Aquila e dell’Abruzzo interno, ponendo fine alle polemiche divampate in seguito all’iniziale ‘no’ di Albani alle richieste del sindaco dell’Aquila Biondi e dello stesso Cosenza di concentrare al covid hospital di Pescara gli 11 pazienti delle rianimazioni covid dei vari ospedali provinciali: questo per utilizzare il personale, specie anestesisti, far tornare a regime l’attivita’ di reparti e sale operatorie e smaltire le lunghe file di attesa, in particolare di malati oncologici. Dalla riunione e’ emerso che le disposizioni legislative nazionali intervenute dopo la costruzione del Covid hospital – 214 posti di cui 40 di terapia intensiva – hanno previsto una rete Covid regionale con finanziamenti per tutte le Asl. “Il piano presentato dalla Regione Abruzzo e’ stato il primo approvato dai ministeri e che ha visto conclusi gli interventi previsti. Ogni Asl dispone di strutture dedicate e finanziate per presa in carico e cura dei pazienti Covid – e’ stato spiegato- Ciononostante, in casi in cui un ridotto numero di pazienti ospedalizzati lo permetta, si potra’ valutare l’opportunita’ di concentrare tutti i degenti in un’unica struttura, con la messa a disposizione, da parte delle altre Asl, del personale necessario”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Incidenti stradali, 243 vittime di plurimortali in 2021

Nel 2021 in Italia gli incidenti stradali plurimortali (quelli con due o piu’ vittime) sono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *