Coronavirus, il racconto di un paziente che è guarito

E’ guarito dal coronavirus e ha voluto raccontare la sua esperienza, partendo dal timore di aver contagiato le persone care. Ora però per Marco (nome di fantasia, ndr) inizia una nuova fase grazie alla terapia sperimentale utilizzata a Chieti dalla Clinica di Malattie infettive del policlinico. Il giovane e’ stato sempre informato e consapevole della patologia e della scelta del responsabile della Clinica, Jacopo Vecchiet, di curarlo con il Tocilizumab, il farmaco gia’ impiegato nella cura dell’artrite reumatoide e in grado di ridurre l’infiammazione che causa danni agli organi e cosi’ dopo aver dato il consenso e’ iniziato il percorso. ”Ancora adesso non so dove, come e quando ho contratto il virus – dice Marco ripercorrendo le ultime settimane – per quanto abbia cercato di darmi delle risposte. E’ accaduto e basta, e farsi domande oltre un certo limite non era d’aiuto. Quando sei li’ hai paura non solo per te – aggiunge – ma per quelli che sono a casa e temi di avere contagiato. Mi tormentava il pensiero di essere causa di sofferenza per le persone che amo di piu’ e che mai avrei voluto mettere in pericolo”. La sua sensazione, in un reparto nel quale si e’ isolati e i contatti con il mondo di fuori sono pochissimi, e’ stata quella di trovarsi nel posto giusto, in mani sicure: ”Arriva un momento nel quale pensi a una sola cosa – ricorda Marco -: devi migliorare la tua condizione, vale solo quello”. L’incubo coronavirus e’ finito ma questa vicenda ha lasciato un segno indelebile ”La mia vita e’ cambiata sicuramente – conclude Marco -, queste sono situazioni che fanno riflettere e io di tempo per pensare ne ho avuto in ospedale. E si’, sono cambiato eccome. Ognuno dovrebbe apprendere qualcosa da questi giorni, perche’ e’ la vita di tutti a essere cambiata”. 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Incidente stradale per un ciclista di 41 anni

Un ciclista di 41 anni è rimasto ferito nel tardo pomeriggio di ieri in un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.