Frode fiscale da 3,7 milioni, famiglia di imprenditori a rischio processo

Una famiglia di imprenditori locali, amministratori di una societa’ leader nel settore della produzione e vendita di macchinari per la pulizia di superfici, è accusata di aver commesso frode fiscale e reati societari, accumulando cosi’ un patrimonio illecito complessivo di oltre 3,7 milioni di euro. E’ stato notificato a padre, madre e figlio, un avviso di chiusura indagini preliminari nell’ambito dell’inchiesta ‘super clean’, avviata nel 2022 dai finanzieri del nucleo di polizia economico finanziaria, diretti dalla procura della Repubblica di Pescara. Partite da una querela dei soci di minoranza, le investigazioni hanno fatto riemergere il sodalizio criminale e professionale esistente tra i due amministratori principali, moglie e marito, che, con la complicita’ del figlio titolare di un’altra ditta, sono sospettati di aver indebitamente prosciugato le risorse finanziarie delle casse societarie. Due le aziende “compiacenti”, prive di assoluta operativita’.

Una di proprieta’ dei coniugi, l’altra riconducibile al figlio. Secondo quanto appurato dagli investigatori, si sarebbero utilizzate fatture false per operazioni commerciali mai avvenute, allo scopo di drenare ulteriori 250 mila euro dalle casse aziendali.

Le ipotesi di addebito delle Fiamme Gialle, supportate dagli accertamenti ispettivi eseguiti, avevano gia’ portato alla denuncia dell’intera famiglia di imprenditori alla locale Autorita’ Giudiziaria, e al provvedimento di sequestro emesso dal gip del Tribunale, su richiesta della Procura della Repubblica, con apposizione di sigilli a conti correnti, appartamenti, orologi di marca e auto di lusso per oltre 3,5 milioni.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Trovato in possesso di droga e di un coltello, denunciato a Pescara

Un 44enne è stato denunciato la scorsa notte a Pescara perché trovato in possesso di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *