Guardia di Finanza, scoperta una serra illegale tra gli uliveti del pescarese

Robuste piante di cannabis, con fusti alti piu’ di due metri sono state scoperte dai finanzieri del gruppo del Comando provinciale di Pescara tra gli uliveti delle colline pescaresi. Le Fiamme gialle, con l’ausilio dei cani antidroga dell’unità‚ cinofila, hanno sequestrato una vasta piantagione di cannabis pronta per essere tagliata, essiccata e immessa in commercio. In concomitanza, un’attenta ed accurata ricognizione dei luoghi ha consentito di rilevare tutt’altro rispetto ai tradizionali passatempi delinquenziali dal tenore green.

Le scoperte investigative sin qui ottenute, infatti, hanno evidenziato la presenza di laboratori hi – tech, con strumentazione ed opere di manifacturing e di bonifica di ultima generazione: coltivazioni a terrazzamenti, fertilizzanti, e sistemi di irrigazione ed areazione curati nei minimi dettagli; il tutto per favorire ed assicurare la crescita e lo sviluppo dello stupefacente. Le indagini ora proseguono alla ricerca dei progettatori di queste serre che, anziché utilizzare i campi per il sostentamento agricolo, li trasformano in oggetto di investimenti illegali.

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Guardia di Finanza stronca giro di spaccio nelle attività commerciali a Pescara e Teramo

Operazione di contrasto allo spaccio di droga nell’entroterra tra le province di Pescara e di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.