Inchiesta “cabina di regia”, dopo 10 anni imputati assolti e prescritti a Spoltore

Si chiude con assoluzioni e prescrizioni la vicenda giudiziaria che ha interessato anche il Comune di Spoltore. Il Tribunale collegiale di Pescara ha infatti assolto a distanza di dieci anni dagli arresti perche’ “il fatto non sussiste” l’ex sindaco Franco Ranghelli, l’ex presidente del Consiglio regionale, Marino Roselli, l’imprenditore Alessandro D’Onofrio, e l’ex consigliere comunale, Pino Luigioni, dal reato piu’ grave, ossia quello di associazione per delinquere. Ranghelli, Roselli e D’Onofrio sono stati assolti anche dal reato di falso. Assolti insieme a loro, sempre dall’accusa di falso, il geometra Giuseppe Del Pretaro, i tecnici comunali Emilio Di Paoloemilio e Bruno Crocetta, l’ex dirigente comunale, Tullio Santroni. L’ex primo cittadino Ranghelli, Roselli e l’imprenditore D’Onofrio sono stati assolti anche da una delle accuse di corruzione. Prescritti per Ranghelli, Roselli, Luigioni, D’Onofrio, e per i costruttori Luigi Zampacorta e Marcello Sborgia, i reati – peraltro in alcuni casi anche riqualificati – contestati negli altri capi di imputazione. Gli imputati erano accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere, corruzione, tentata concussione, falso e abuso d’ufficio. Ranghelli e Roselli il 26 luglio 2011 per questa inchiesta, rappresentata all’epoca dal pm Gennaro Varone, denominata “cabina di regia”, finirono agli arresti domiciliari.

Un’accusa dissoltasi pienamente oggi – dopo dieci anni – con l’assoluzione da parte del Tribunale collegiale. Per conoscere le ragioni bisognera’ attendere il deposito delle motivazioni.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Sparatoria a Pescara, al setaccio gli smartphone sequestrati nell’indagine

E’ stato conferito l’incarico al consulente tecnico della Procura di Pescara nominato con l’obiettivo di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.