Incidenti sul lavoro, muore un operaio schiacciato da un macchinario nel Teramano

Un operaio di 49 anni, Tonino Fanesi, e’ morto all’interno di un’azienda che produce reti metalliche in Contrada Marina di Mosciano, nel Teramano. Da quanto si e’ appreso, durante il turno di lavori si stava occupando della manutenzione di un macchinario che si era bloccato per poi rimettersi improvvisamente in moto proprio mentre l’uomo stava cercando di disincagliarlo; il colpo violentissimo alla testa gli e’ stato fatale: quando sono arrivati i soccorsi, l’operaio era gia’ morto. Sul luogo dell’incidente sono intervenuti i carabinieri della stazione di Mosciano e il personale dell’Asl di Teramo per i rilievi di legge. Ha parlato di “episodio inaccettabile” il segretario generale della Cisl Abruzzo-Molise, Giovanni Notaro. La vittima era sposato e con tre figli. “Ci stringiamo alla sua famiglia – ha dichiarato il sindaco di Civitanova, Jwan Costantini, porgendo le condoglianze dell’amministrazione comunale -. Continua la strage delle morti bianche, un fenomeno drammatico che non capita solo altrove, ma che, come in questo caso, tocca anche la nostra comunita’. Gli incidenti sul lavoro sono una ferita non rimarginabile”. “Portare oggi consolazione alla famiglia di Tonino Fanesi, nostro concittadino, non e’ facile. La abbracciamo, le siamo vicini, ne condividiamo il dolore – ha concluso il primo cittadino -. Vogliamo sperare che la morte ingiusta del loro caro possa essere di monito, favorisca la cultura della prevenzione e promuova l’impegno per la tutela dei lavoratori”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Sicurezza stradale, campagna di sensibilizzazione per gli studenti aquilani contro l’uso di alcol e stupefacenti

Istituzioni in campo per sensibilizzare gli studenti sui rischi di incidenti stradali legati all’assunzione di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.