La cura della bocca riduce l’ipertensione

 Chi cura la bocca cura anche il cuore. La cura parodontale migliora il controllo dell’ipertensione, contribuendo a ridurla di ben 11 punti, in modo più efficace di una dieta iposodica che resta comunque fondamentale in aggiunta a una terapia farmacologica. A indicarlo è un report pubblicato dalla Società Italiana di Parodontologia e Implantologia (SIdP), e dalla Società Italiana di Ipertensione Arteriosa (SIIA), presentato al congresso nazionale SIdP. Non soltanto la parodontite si associa a un rischio più elevato di pressione alta, correlazione provata da tempo da un numero crescente di studi e ancora poco nota a medici e pazienti.

Secondo quanto affermato da Nicola Marco Sforza, Presidente SIdP “la cura della parodontite contribuisce ad abbassare i livelli pressori di ben 11 punti, se si riduce del 30% il sanguinamento gengivale con una pulizia profonda delle tasche gengivali e una corretta igiene orale, professionale e domiciliare”. “Lo studio riportato dal rapporto congiunto SIdP e SIIA ha considerato 100 pazienti ipertesi con malattia della gengive: 50 sottoposti a igiene sopra e sottogengivale cioè a pulizia profonda delle tasche e igiene orale professionale, e gli altri 50 del gruppo di controllo sottoposti solo a una semplice pulizia superficiale – spiega Davide Pietropaoli, autore dello studio, coordinatore della Guida pratica SIdP SIIA e ricercatore all’Università dell’Aquila – “Trascorsi due mesi, nel gruppo test di igiene sopra e sotto gengivale, il trattamento paradontale ha determinato un beneficio di 11 punti in meno della pressione arteriosa, con un’efficacia maggiore del doppio della dieta iposodica”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Controlli a Montesilvano, 7 patenti ritirate

Ben 7 sono state le patenti ritirate durante i controlli a Montesilvano ad altrettanti conducenti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *