L’Aquila, 13 candidati per la Procura della Repubblica

Sono 13 i candidati che hanno risposto al bando lanciato dal Csm per il posto di capo della Procura della Repubblica dell’Aquila, che è anche sede della Procura distrettuale Antimafia dell’Abruzzo, in vista del pensionamento, imminente, del dottor Michele Renzo, nominato dal Consiglio superiore della magistratura nel 2016.  L’incarico a capo della Procura del capoluogo abruzzese è molto ambito dal momento che il magistrato guiderà anche le indagini riguardanti le infiltrazioni mafiose in Abruzzo, fenomeno che è diventato ancora più preoccupante alla luce delle ricostruzioni post terremoti, quello del 2009 dell’Aquila e quelli del 2016 e 2017 del Centro Italia. Tra i candidati ci sono Domenico Seccia, sostituto procuratore generale della Cassazione, Alberto Sgambati, avvocato generale presso la Procura generale dell’Aquila, Gennaro Varone, sostituto procuratore della Repubblica di Roma, Giancarlo Cirielli, anch’egli sostituto procuratore a Roma, Sergio Colaiocco, procuratore aggiunto a Roma, Stefano Gallo, sostituto procuratore all’Aquila, Antonio Laronga, procuratore aggiunto a Foggia, Mirvana Di Serio, procuratore a Lanciano, Mario Palazzi, sostituto procuratore a Roma, Annarita Mantini, procuratore aggiunto a Pescara, Simonetta Ciccarelli, sostituto procuratore all’Aquila, Francesco Testa, procuratore europeo delegato, Valentina D’Agostino, procuratore aggiunto ad Ancona. Scatta ora una complessa istruttoria da parte del Csm con la proposta del candidato ritenuto migliore dalla commissione competente: poi la votazione del Plenum con il via libera anche da parte del ministero della Giustizia

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Maltrattamenti alla moglie, condannato a 3 anni e 10 mesi

È stato condannato a tre anni e dieci mesi di reclusione con riconoscimento di una …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *