L’Aquila, prosciolto l’ex sindaco Cialente e un funzionario comunale

L’ex sindaco dell’Aquila Massimo Cialente e il funzionario comunale Fabrizio De Carolis sono stati prosciolti, con sentenza di non luogo a procedere, dal Gup del Tribunale dell’Aquila, Baldovino De Sensi, dall’accusa di induzione indebita. La vicenda era relativa a presunte pressioni che il primo cittadino, in sella dal 2007 al 2017, avrebbe esercitato sul funzionario comunale De Carolis, difeso dall’avvocato Francesco Camerini, al fine di far ottenere alla impresa Palomar srl, il pagamento del terzo e quarto Sal maturato nella commessa sulla ricostruzione post terremoto 2009 del condominio Cappelli all’Aquila. I fatti si sarebbero svolti il 20 febbraio nel 2015: secondo l’accusa, oggi decaduta definitivamente, Cialente avrebbe effettuato la forzatura anche in seguito alla segnalazione dell’ex presidente della Camera dei deputati, Luciano Violante. La difesa, esercitata dall’avvocato Carlo Benedetti, del foro dell’Aquila, ha invece dimostrato che i sal sono stati pagati senza forzatura alcuna e che la telefonata di Cialente non ha avuto quindi alcuna infuenza nei confonti del funzionario.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Sanità, gli operatori del 118 all’aeroporto di Pescara

Gli operatori del 118 di Chieti dal 1° febbraio gestiscono il Primo Soccorso Aeroportuale all’Aeroporto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *