Pescara, il Nas scopre un centro abusivo di tattoo e piercing

Un laboratorio per tatuaggi e piercing, del tutto abusivo, creato in casa e pubblicizzato, tra l’altro, sui social network, è stata scoperta dai Carabinieri del Nas di Pescara e l’attività è stata chiusa. Nei guai è finita una donna del posto, segnalata alle autorità competenti. I militari per la tutela della salute, al termine di una accurata attività di monitoraggio e raccolta informazioni, hanno accertato che il laboratorio era abusivo, in quanto non era stata fornita la prevista comunicazione Scia (Segnalazione certificata inizio attività). Il dirigente del settore Attività Produttive del Comune di Pescara, preso atto della segnalazione dei Carabinieri, ha emesso un provvedimento con il quale ha disposto la chiusura dell’attività, che aveva un valore, comprensivo delle attrezzature e degli arredi, di 30mila euro. 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Legge regionale sui Trabocchi, la Consulta boccia il ricorso del Consiglio dei Ministri

La Corte Costituzionale ha dichiarato non fondate le questioni di legittimita’ poste dal Consiglio dei …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *