Pescara, sventata una truffa di vishing recuperando 8mila euro

La Polizia di Stato ha sventato una frode informatica recuperando ben 8.000 euro sottratti dal conto corrente di una donna. Le indagini, coordinate dalla Procura de L’Aquila, si stanno concentrando nei confronti di un uomo del napoletano. La vittima, una pescarese, dopo aver ricevuto un messaggio sms apparentemente proveniente da un noto Istituto di credito con cui sono state riferite anomalie al proprio conto corrente, è stata tratta in inganno e indotta ad aderire alle indicazioni contenute nel messaggio. A quel punto è stata invitata a digitare i dati del proprio conto/carta. Subito dopo, è stata anche contattata telefonicamente da una persona che, presentandosi come un operatore dell’Istituto di Credito, l’ha indotta a comunicare un codice che nel frattempo era pervenuto sul proprio cellulare. Solo dopo qualche minuto, nell’accedere – online – al proprio conto, l’utente si avvedeva che era stata appena effettuata a sua insaputa un’operazione di bonifico online dell’importo di euro 8.000,00. Non riuscendo in alcun modo ad annullare l’operazione, la titolare del conto si è rivolta alla Polizia Postale di Pescara, e gli operatori della Sezione Financial Cybercrime sono riusciti a far bloccare immediatamente il conto beneficiario del bonifico per poter poi restituire la somma alla malcapitata.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Droga negli slip, arrestato al casello dell’autostrada A25

I carabinieri hanno arrestato nei pressi dello svincolo autostradale della A/25 un 30enne avezzanese trovato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *