Processione del Venerdì Santo a Chieti, si stacca il Cristo dalla croce

 Come mai accaduto nella sua storia millenaria, niente processione del Venerdi’ santo anche a Chieti con il Miserere di Selecchy che, a causa del coronavirus, e’ risuonato per le vie e abitazioni, grazie ai cittadini che hanno aderito all’iniziativa dell’Arciconfraternita del Sacro Monte dei monti. L’arcivescovo Bruno Forte si e’ fatto carico di un sofferenza collettiva, portando da solo un antico crocefisso dal Seminario Regionale, dove ha celebrato la liturgia, al sagrato di San Giustino, in cui ha benedetto la citta’, rappresentata dal sindaco Umberto Di Primio in fascia tricolore, e l’Arcidiocesi. Dal crocifisso durante la processione le braccia del Cristo si sono staccate dalla croce facendolo quasi roteare, tra lo stupore dei presenti che hanno pensato a un cattivo presagio. A soccorrere l’alto prelato un altro sacerdote e due carabinieri in alta uniforme. “Ho chiesto al Signore Gesu’ – ha detto Forte – non solo di benedire questa citta’ tanto amata, e tutta la nostra chiesa diocesana, ma di benedire l’Italia e il mondo, di liberarci da questa pandemia, di donarci il segno della sua misericordia, lui che sulla croce si e’ consegnato per amore nostro”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Agricoltura a rischio. Allarme di Cia Chieti-Pescara

La siccità minaccia l’agricoltura e le soglie di allerta crescono. Le ondate di calore anomale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.