Prova la truffa del pacco a un’anziana ma un 20enne napoletano trova i carabinieri di Chieti ad aspettarlo

E’ stato arrestato nel momento in cui ha consegnato ad una donna di 84 anni, che era in casa, un pacco che avrebbe dovuto contenere un computer, in cambio di 450 euro. Ma i Carabinieri di Chieti, che nel frattempo erano a casa e nei dintorni dell’abitazione perche’ allertati dalla figlia dell’anziana, sono intervenuti e lo hanno arrestato in flagranza per tentata truffa e violazione di domicilio. Protagonista un ventenne napoletano condotto in Tribunale a Chieti per il processo con rito direttissimo: l’arresto e’ stato convalidato e il giudice Enrico Colagreco ha disposto nei suoi confronti l’obbligo di firma, il pm Natascia Troiano aveva chiesto gli arresti domiciliari. Il processo e’ stato fissato per il 23 giugno, difensore, l’avvocato Giovanni Angelucci, ha annunciato che chiedera’ un rito alternativo. Nelle fasi che hanno preceduto l’arrivo del giovane la vittima aveva ricevuto sul telefono fisso la telefonata di un uomo che, presentatosi come il nipote Luca, le aveva annunciato che a breve un corriere, a cui doveva consegnare i soldi, il quale le avrebbe recapitato un pacco contenente un computer. Telefonata che e’ andata avanti fino a pochi istanti prima che il presunto corriere citofonasse. Il pacco, come si e’ scoperto poco dopo la consegna, in realta’ conteneva un vecchio libro.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Paziente morta per un’infezione, la Asl Pescara risarcisce i familiari con 900mila euro

La Asl di Pescara è stata condannata a risarcire oltre 900mila euro ai familiari di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *