Rinviato a giudizio il direttore generale della Asl di Pescara

Rinviato a giudizio il direttore generale della Asl di Pescara, che era finito nel registro degli indagati nell’inchiesta su un appalto milionario pilotato per l’affidamento della gestione di residenze psichiatriche extra ospedaliere. Si tratta della stessa inchiesta nell’ambito della quale è morto nel carcere di Vasto l’8 aprile 2021 lo psichiatra Sabatino Trotta, dirigente del Dipartimento di Salute Mentale della Asl, arrestato quel giorno stesso con l’accusa di corruzione e suicidatosi nella sua cella. Il provvedimento di rinvio e’ stato firmato dal Gup De Renzis. L’iscrizione del manager Asl sul registro degli indagati all’epoca fu un atto quasi dovuto per permettere agli inquirenti di esaminare il materiale acquisito dalla Procura che lo riguardava direttamente. Il manager spiego’ allora -di aver firmato il contratto incriminato solo al termine dell’istruttoria fatta da tutti gli uffici della Asl. Il rinvio a giudizio per corruzione nell’esercizio della funzione era stato chiesto dai sostituti procuratori di Pescara Anna Benigni e Luca Sciarretta Nell’Inchiesta due imputati hanno patteggiato due anni di reclusione, pena sospesa.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Arrestato a Pescara perché deve scontare 2 anni e 8 mesi

I carabinieri di Pescara hanno arrestato un 38enne originario del Marocco, perché colpito da un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.