Sanità, Pd critica le liste d’attesa alla Asl di Pescara

“La Asl di Pescara era ed è una delle peggiori d’Italia quanto a liste di attesa e i tentativi di rimediare attuati dalla direzione generale, d’intesa con la Regione, non hanno dato risultati, anzi, nel mese di aprile, dati ufficiali ricavati dal portale Sanità della Regione, i giorni necessari per avere una prestazione non urgente si sono impennati fino a quota 168 rispetto ai 31 di Chieti e ai 18 di Teramo”. Lo afferma il Pd di Pescara. “Mediamente, considerate le tre principali fasce di prestazioni, ovvero le classi di priorità relative a visite e controlli da effettuare entro 10 giorni dalla richiesta, entro 60 e entro 120 – si legge in una nota – la Asl di Pescara assurge al livello di 112 giorni, per Chieti 25 e Teramo 15. Una disparità abissale che i vertici della Asl non sanno giustificare, neppure in documenti ufficiali, cercando consolazione in una serie di annunci e nel fatto che le disparità più clamorose si registrano soprattutto nella classe P e che la Asl pescarese ‘esegue oltre il 30% delle prestazioni’ come Tac ‘a favore di utenti non residenti nel territorio di competenza’, e in attesa di due nuove risonanze magnetiche, la speranza è ancorata alla rete degli ospedali appena varata dal ministero ma che tuttavia, secondo i dati ufficiali sui livelli di assistenza e sulle proiezioni, comporterebbero ancora minori interventi in favore dei cittadini”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Incidente sul lavoro in un’azienda del Chietino

Incidente sul lavoro 11 in un’azienda meccanica di Mozzagrogna, specializzata nella costruzione di pale eoliche. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *