Sanitopoli, il giorno del verdetto in Cassazione

Si e’ da poco conclusa in Cassazione l’udienza per il processo sulla ‘Sanitopoli’ abruzzese, che ha come principale imputato Ottaviano Del Turco insieme ad altri otto ex amministratori della sua giunta e funzionari della Regione Abruzzo. Ora i giudici della Sesta sezione penale che hanno celebrato l’udienza hanno preso una pausa prima di ritirarsi in camera di consiglio. A quanto si e’ appreso, non e’ da escludere che il verdetto possa slittare ad altra data. Nel ruolo ci sono altre sette cause da decidere, e qualche altro ricorso in materia cautelare. Del Turco ha ascoltato quasi tutto il dibattimento e con lui c’era anche l’ex assessore alla Sanita’ Bernardo Mazzocca per il quale il pg della Suprema Corte ha chiesto l’annullamento con rinvio della condanna per associazione a delinquere. Il collegio e’ stato presieduto da Vincenzo Rotundo, consigliere relatore e’ stato Massimo Ricciarelli, gli altri consiglieri sono Stefano Moggini, Angelo Capozzi e Anna Giordano. 

“Abbiamo tagliato il budget della sanita’ privata insieme alle tariffe e ai posti letto con un risparmio per la Regione Abruzzo di diversi milioni ed e’ questo il motivo per cui abbiamo subito questo processo: le Commissioni ispettive sulla sanita’ privata le ha introdotte la giunta Del Turco e le abbiamo chiamate noi”. Lo ha detto a margine del processo l’ex assessore alla Sanita’ della Regione Abruzzo Bernardo Mazzocca, ex segretario regionale de La Margherita in Abruzzo, condannato anche lui nel processo sulla ‘Sanitopoli’ abruzzese. Anche sui suoi conti non e’ mai stato trovato un centesimo proveniente dalla presunte ‘mazzette’. E anche il pg della Cassazione nella requisitoria ha detto che contro Mazzocca “non c’e’ la prova del suo ruolo specifico e della funzione svolta” nella presunta associazione a delinquere. “Ci siamo difesi nel processo – ha proseguito Mazzocca visibilmente provato da otto anni di iter giudiziario – senza chiedere mai un rinvio: in tutti questi anni sono stato ascoltato solo due volte, una delle quali davanti al gip”. L’ex assessore e’ rientrato in Abruzzo dove aspettera’ di conoscere la decisione della Cassazione

**********

La sostanziale conferma delle condanne emesse dalla Corte di Appello dell’Aquila nel 2015 nell’ambito del processo sulla sanitopoli abruzzese, e’ stata chiesta dal Pg della Cassazione Aldo Policastro. Ad avviso del Pg merita conferma la condanna a quattro anni e due mesi di reclusione per l’ex governatore dell’Abruzzo Ottaviano Del Turco e per altri sei degli imputati. Solo per due posizioni il Pg ha chiesto l’accoglimento dei ricorsi. Il Pg ha chiesto l’annullamento senza rinvio per prescrizione della condanna per Luigi Conga, e l’annullamento con rinvio sul reato di associazione per l’ex assessore alla sanita’ Bernardo Mazzocca. 

Per Ottaviano Del Turco, ex ministro e parlamentare europeo, condannato in primo grado dal tribunale di Pescara a nove anni e sei mesi di reclusione, la pena e’ stata ridotta un anno fa, dalla corte d’appello, a quattro anni e due mesi. Nel ricorso in cassazione il legale di Del Turco, l’avvocato Giandomenico Caiazza, ha chiesto di annullare la condanna di secondo grado inflitta con l’accusa di associazione per delinquere e induzione indebita. Stessa istanza per gli altri imputati.

L’inchiesta e il processo ruotano sulla posizione del grande accusatore di Del Turco, l’ex re delle cliniche private, Vincenzo Maria Angelini, ex titolare della clinica Villa Pini di Chieti, ritenuto credibile dai giudici di appello che lo hanno assolto dall’accusa di corruzione, dopo che in primo grado era stato condannato a tre anni e sei mesi. In Cassazione, oggi, anche la posizione dell’ex direttore generale della Asl di Chieti, Luigi Conga, in primo grado condannato a nove anni, in appello pena ridotta a tre anni; Lamberto Quarta, ex segretario della presidenza della Giunta d’Abruzzo, e Camillo Cesarone, ex consigliere regionale socialista poi confluito nel Pd: in appello furono condannati rispettivamente a tre anni e quattro anni di reclusione. Ed ancora, in Cassazione, le posizioni degli ex assessori regionali Bernardo Mazzocca (Sanita’) e Antonio Boschetti (Attivita’ Produttive), ai quali in secondo grado furono inflitti rispettivamente due anni e un mese e un anno e otto mesi di reclusione. La Cassazione dovra’ pronunciarsi anche su Angelo Bucciarelli, collaboratore di Mazzocca, condannato in appello a due anni. Per quanto riguarda l’ex parlamentare di Fi Sabatino Aracu prescritto in appello, lo stesso ha presentato ricorso in Cassazione per conoscere le sue responsabilita’ nella vicenda giudiziaria.

 “Spero che questo incubo termini e che a Ottaviano Del Turco sia restituita interamente la piena dignita’: e’ un galantuomo che non ha mai preso nemmeno un euro di tangenti, e’ una ‘riserva’ della Repubblica e non si puo’ distruggere una persona senza nessuna prova”. Cosi’ l’avvocato Giandomenico Caiazza che ha difeso Ottaviano Del Turco nel processo sulla ‘Sanitopoli’ della Regione Abruzzo, ha concluso la sua arringa davanti ai giudici della Sesta sezione penale chiedendo l’annullamento senza rinvio della condanna a 4 anni e due mesi emessa dalla corte d’appello dell’Aquila, il 20 novembre 2015 per associazione per delinquere e tangenti. 

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Pescara, ruba uno zaino da un’auto in sosta e preleva denaro dalla carta di credito prima di essere arrestato

Gli agenti della Squadra Volante di Pescara hanno arrestato un 55enne di Barletta per furto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.