Scoperta maxi frode fiscale nel settore della cantieristica navale, false fatture per 131 milioni

La Guardia di finanza di Ancona ha scoperto una maxi frode fiscale nel settore della cantieristica navale, che ha permesso di individuare un giro di fatture false per 131 milioni di euro, con la conseguente evasione dell’Iva per 66 milioni di base imponibile, e 153 lavoratori irregolari, la maggior parte bengalesi. Sono 30 le persone denunciate per frode fiscale, riciclaggio e auto-riciclaggio. Le imprese coinvolte operavano tra Marche, Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Lombardia e Toscana, molte delle quali vere e proprie cartiere, con ramificazioni in tutta Italia. L’operazione, che gli inquirenti hanno chiamato ‘Shipyard’ ed e’ stata coordinata dalla procura di Ancona, ha interessato diverse imprese operanti nel porto di Ancona, nell’ambito della catena produttiva della Fincantieri, risultata completamente estranea ai fatti d’indagine.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Vaccino, studio italiano conferma l’efficacia

Il “primo studio” organizzato in Italia sull’efficacia dei vaccini conferma che “tutti e tre i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *