Sequestrata la cabinovia di Prati di Tivo

Il Tribunale di Teramo – Sezione Civile ha autorizzato “il sequestro giudiziario del ramo di azienda avente ad oggetto il complesso dei beni organizzati per l’esercizio dell’attività di gestione di impianti di risalita e di strutture ricettive” nei comuni di Pietracamela e Fano Adriano. Lo rende noto l’avvocato Riccardo Leonardi, legale, insieme ai colleghi Andrea Galvani e Maria Luisa Belvederesi, tutti del foro di Ancona, della Marco Finori Srl, società si San Benedetto del Tronto che aveva presentato il relativo ricorso, avanzato nei confronti della Gran Sasso Teramana Spa. Il provvedimento riguarda la complessa vicenda degli impianti di risalita che si trovano sul versante teramano del Gran Sasso.

Il giudice Silvia Fanesi ha anche nominato “custode giudiziario la società Marco Finori Srl, in persona del legale rappresentante, con incarico di gestire e amministrare i sopra indicati beni nel rispetto degli obblighi e dei diritti conferiti dall’ultimo comma dell’art. 676 cpc, con autorizzazione a svolgere ogni attività prevista dalla legge e ritenuta utile al perseguimento delle finalità sottesa alla nomina”. Si tratta, nello specifico, sottolinea l’avvocato, “di una lunga serie di beni immobili e di beni mobili, costituenti il ramo di azienda, dei quali la società ricorrente ha avuto la gestione sino al settembre 2022, tra cui i diversi impianti di risalita situati in località Prati di Tivo e Prato Selva, e, tra essi, la Seggio Cabinovia Telemix – La Madonnina; impianti che la medesima ricorrente aveva riconsegnato nelle scorse settimane alla controparte dopo la scadenza della ricordata gestione”

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Guida in stato di ebbrezza, 6 patenti ritirate a Pescara

La polizia ha ritirato 6 patenti di guida a Pescara perché i conducenti sono risultati …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *