Sulmona, 4 bimbi fuori da scuola perché non in regola con l’obbligo della vaccinazione

Quattro bimbi fuori da scuola, alla materna di Sulmona, perche’ non in regola con l’obbligo della vaccinazione. Per due di loro il caso e’ presto risolto, si tratta solo una dimenticanza. Per gli altri due casi, i genitori passano all’attacco annunciando ricorso ma la dirigente scolastica dell’Istituto ‘Serafini-Di Stefano’ e’ ferma sulla sua decisione.

Da parte delle famiglie, uno dei genitori fa valere le sue ragioni rendendo nota la richiesta inviata alla Asl a fine agosto “tramite raccomandata con ricevuta di ritorno per l’appuntamento per la vaccinazione. Raccomandata – racconta il genitore – giunta a scuola il primo settembre, presa in carico da un bidello. Aspetto tuttora che la Asl mi convochi per l’appuntamento per effettuare la vaccinazione. La scuola ha tutta la documentazione, anche la richiesta di appuntamento”. Sempre secondo lo stesso genitore il provvedimento di esclusione, e’ dunque “ingiusto ed e’ avvenuto in maniera molto discutibile, in quanto – dice il genitore – non mi e’ stata fatta nessuna comunicazione formale a casa. Mi e’ arrivata una telefonata sul cellulare da una maestra che mi avvertiva di non andare”.

Secondo la dirigente scolastica, invece, i genitori in questione, dopo aver spedito la raccomandata, non avrebbero fatto nulla per ottenere dalla Asl l’appuntamento previsto per il colloquio limitandosi a restare in attesa della ricevuta di ritorno della raccomandata inviata. “A questo punto questi signori non possono far altro che fare i conti con loro stessi visto che non hanno fatto quello che dovevano fare. Io invece vengo ora contestata perche’ rispetto la legge”, conclude la dirigente scolastica. Ma la vicenda non finisce qui. “I bambini devono essere riammessi perche’ entro la scadenza del 10 settembre 2017 – spiega l’avvocato Emidio Grumelli del Foro di Pescara, annunciando ricorso – i genitori hanno optato per il deposito formale di richiesta di vaccinazione alla Asl territorialmente competente”.

Su una popolazione scolastica di 2.800 ragazzi a Lanciano e’ risultata oggi una media di 3 studenti non in regola con le vaccinazioni in ognuno dei quattro istituti comprensivi della citta’, per un totale di 12 unita’. D’intesa con le dirigenze scolastiche, la ricognizione e’ stata resa nota nel tardo pomeriggio dall’assessore all’ Istruzione, Giacinto Verna, il quale lo scorso 16 febbraio aveva lanciato l’appello alle famiglie alla vaccinazione obbligatoria dei propri figli come atto di responsabilita’ in vista della scadenza del 10 marzo. “Fortunatamente sono numeri irrisori – dice Verna, che riveste anche la carica di vicesindaco – a dimostrazione della sensibilita’ dimostrata dai genitori”. Da domani gli scolari non vaccinati delle scuole dell’ Infanzia non potranno accedere, mentre per quelli delle scuole Primarie e’ prevista la multa ai genitori, in attesa della comunicazione della messa in regola

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Morta a Roma l’anziana ustionata in casa davanti al camino ad Ari

E’ morta nel centro grandi ustionati dell’ospedale San Camillo di Roma, Maria Costantini, la 88enne …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.