Abruzzo Sviluppo, il bilancio del presidente Cianciotta

Il presidente ed il vicepresidente di Abruzzo Sviluppo SpA, Stefano Cianciotta e Nicoletta Salvatore, tracciano un bilancio dopo quasi due anni e mezzo alla guida della Società in house regionale che dallo scorso 16 dicembre è stata incorporata dalla Finanziaria regionale abruzzese (Fira), portando a termine un processo di fusione per incorporazione in poco più di un anno. “Sono stati 28 mesi di lavoro intenso e proficuo – ha commentato Cianciotta – in cui siamo riusciti a ridare centralità ad Abruzzo Sviluppo nella gestione delle politiche industriali anche al di fuori dei confini regionali, abbiamo ramificato la nostra presenza sul territorio abruzzese e consolidato il nostro supporto a tutte le strutture regionali nella gestione dei Fondi Comunitari. Non ultimo, in termini di importanza, proprio l’operazione di fusione con la Fira, tema di cui si parlava da almeno un decennio e che è stata portata a compimento a tempi di record”. Fin dal suo insediamento il Cda guidato da Cianciotta ha lavorato con l’obiettivo di riportare al centro dell’agenda lo sviluppo industriale, di aiutare le Pmi a promuovere l’export, di costruire strategie mirate di marketing territoriale e di favorire gli investimenti sulla ricerca e sulla innovazione. Ora che la fusione per incorporazione con Fira ha sancito la nascita di un’unica, nuova, Società in house per lo Sviluppo del sistema economico regionale, Cianciotta ripercorre i risultati raggiunti: dalle proficue collaborazioni con gli altri enti che presidiano il territorio, Camere di Commercio, Atenei, sistema associativo e industriale, organizzazioni sindacali, a quelle, rilevanti, con l’allora Ministero per lo Sviluppo Economico, con la Struttura Commissariale per la Ricostruzione post sisma, con Invitalia, con la Camera di Commercio italiana a Dubai e con le altre Agenzie di Sviluppo dell’Italia centrale. Abruzzo Sviluppo, che negli anni si è “distinta per le proprie attività professionali nella definizione e gestione dei programmi regionali cofinanziati dai Fondi Strutturali europei e di altri Programmi e Piani strategici, in questi ultimi due anni e mezzo ha “ampliato e diversificato ulteriormente il proprio core business puntando sui progetti di internazionalizzazione rivolti al sistema imprenditoriale abruzzese, con varie missioni istituzionali all’Expo di Dubai, sul marketing territoriale, sulla presenza più capillare sul territorio regionale”. Con l’Avviso Liquidità del Microcredito, inoltre, sono stati immessi nel sistema delle micro e piccole imprese abruzzesi 8 milioni di euro. Da ricordare, inoltre, i partenariati industriali, grazie al Progetto I-EcoGreen, che si è candidato al Bando Ecosistemi digitali promosso dall’Agenzia di Coesione del Ministero per il Sud e la Coesione Territoriale e di cui Abruzzo Sviluppo è partner, il trasferimento tecnologico e la formazione industriale. “Questi risultati così importanti – ha osservato Nicoletta Salvatore – sono stati raggiunti in poco più di due anni con il contributo della professionalità della squadra di lavoro che, grazie alla piena sinergia tra CdA, Collegio sindacale, dipendenti e consulenti esterni, ha consentito ad Abruzzo Sviluppo di raggiungere significativi obbiettivi a sostegno dell’Ente Regione e del territorio abruzzese”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Cresce il contenzioso tributario nel primo semestre

Nei primi sei mesi del 2024 è notevolmente cresciuto il contenzioso tributario, secondo quanto riportato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *