Area crisi della Val Vibrata: 19mila euro per 150 lavoratori

Via libera del Comitato di intervento per le crisi aziendali e di settore (Cicas) al trattamento di integrazione salariale e di mobilita’ in deroga per i lavoratori delle imprese inserite nell’area di crisi complessa Val Vibrata-Valle del Tronto. Il Comitato, presieduto dall’assessore regionale alle Politiche del Lavoro Pietro Quaresimale, poteva contare su uno stanziamento di circa 11 milioni di euro destinati a finanziare lavoratori e imprese ricadenti nell’ambito territoriale dell’area di crisi complessa.

“Ogni lavoratore – ha affermato l’assessore Quaresimale – potra’ contare, per il 2022, su un trattamento di integrazione salariale di circa 19 mila euro lordi. Secondo le stime effettuate dal Comitato dovrebbero essere circa 150 i potenziali beneficiari che usufruiranno del trattamento di mobilita’ in deroga, che puo’ essere percepito da quei lavoratori che risultano licenziati alla data del 1 gennaio 2017 da quelle aziende che hanno sede nell’area di crisi complessa”. Oltre che per i lavoratori, le risorse stanziate, 7,5 milioni di euro provenienti dal ministero del Lavoro e 3,4 residui, potranno andare a beneficio di quelle aziende che hanno già usufruito dell’intero periodo di cassa integrazione straordinaria secondo quanto prevede il decreto legislativo 148 del 2015.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Lavoro, il 28 per cento degli italiani pensa a cambiare occupazione

Il 28% degli italiani sta pensando di cambiare lavoro col nuovo anno. Le percentuali salgono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *