Camera di Commercio di Chieti – Pescara, le associazioni chiedono condivisione sul rinnovo dei vertici

In vista del rinnovo dei vertici della Camera di commercio di Chieti Pescara in programma fra un mese, le associazioni Confcommercio Chieti, Confartigianato Chieti-L’Aquila, Uni.Pmi, Casartigiani Chieti, Confimi Industria Abruzzo, Più Servizi Abruzzo, Legacoop Abruzzo, Agci Abruzzo e Fisascat, chiedono condivisione e hanno avviato una piattaforma programmatica comune per una concreta strategia di ripresa che punta su turismo, digitale, formazione e start up di impresa. “Ci siamo costituiti come gruppo apparentato per concorrere al prossimo rinnovo camerale, ma abbiamo anche rappresentato il nostro rammarico per il fatto che non sappiamo ancora in via ufficiale chi sarà il candidato presidente, il suo programma e la sua visione del futuro in prospettiva di un 2023 che sarà un anno molto difficile e anche della visione che vorrà avere per affrontare questo momento – ha detto la presidente di Confcommercio Chieti, Marisa Tiberio oggi a Chieti presentando l’iniziativa – Abbiamo notato uno sbilanciamento a favore di Pescara, ma non vogliamo fare una politica campanilistica, cerchiamo di dare un contributo, ci candidiamo ad avere la possibilità di dare la nostra esperienza e il nostro know how come associazioni più rappresentative sul territorio nazionale. E poi confidiamo che il prossimo presidente sia un presidente di valore con valori che possa anche tutelare l’equilibrio tra i due territori”. Timore è stato espresso dal direttore di Confartigianato Chieti-L’Aquila, Daniele Giangiulli, per il futuro della sede di Chieti Scalo dell’ente camerale, che potrebbe non essere riaperta al termine dei lavori che la stanno interessando, e per la scarsa attenzione verso la sede di Chieti. Amarezza per la chiusura, deliberata dalla Giunta camerale, dell’Aspo, l’azienda speciale per i Porti di Ortona e Vasto, proprio in un momento di grande sviluppo del settore logistica grazie al Pnrr, con il presidente Mario Miccoli, che nel suo intervento ha sottolineato che proprio l’assenza di progettualità ha portato alla chiusura dell’Aspo.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Nel 2022 sono state create circa 380.000 posizioni lavorative

Nel complesso del 2022 sono state create circa 380.000 posizioni lavorative, un valore superiore a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *