Confindustria chiede meno burocrazia, e snellimento della macchina amministrativa

Meno burocrazia, snellimento delle pratiche e della macchina amministrativa. Questo il tema della tavola rotonda che si e’ tenuta questa mattina a cura di Confindustria Chieti-Pescara. “Lo chiedono le imprese perche’ l’Italia – ha detto il presidente Gennaro Zecca – e’ il terz’ultimo Paese in Ue per attrattivita’ degli investimenti stranieri, e questo e’ dovuto a proprio al sistema burocratico che e’ assolutamente inefficiente e non funzionale. La Riforma Madia per questo consente attraverso per esempio lo strumento della Conferenza dei Servizi, con la possibilita’ di chiedere il danno da ritardo, far si’ che le aziende diventino parte attiva per pretendere l’applicazione delle regole. Non possiamo piu’ pensare che ci sia una autorizzazione rilasciata in tempi anticiclici rispetto all’investimento che quella autorizzazione rilascia. Se per fare una concessione edilizia ci mettiamo tre anni e dopo tre anni il mercato edile ha subito un crollo, o se per fare una Valutazione di Impatto Ambientale ci mettiamo quattro, cinque anni, e il business plan, a monte di quella valutazione e’ di quattro, cinque anni, vuol dire che non stiamo parlando di impresa, ma di un gioco d’azzardo”. “Viviamo – ha detto ancora il presidente di Confindustria Chieti-Pescara – in un mondo di cambiamenti, ma il cambiamento c’e’ sempre stato. La differenza e’ che oggi il cambiamento rispetto al passato e’ assolutamente veloce e nell’arco di cinque anni cambia il mondo, con l’azienda che deve reinventarsi, crescere, maturare e poi rinnovarsi nuovamente, e per far questo e’ necessario che ci siano una PA e una burocrazia in linea con questi tempi”. Sullo stato delle imprese oggi in Abruzzo, Zecca ha aggiunto: “C’e’ qualche segnale di ripresa. L’imprenditore italiano ha una grande caratteristica che e’ quella di trasformare le difficolta’ in opportunita’, ma oggi si parla pero’ ancora di un’impresa frenata. E’ come andare con una Ferrari e tirare il freno”

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

A giugno cala l’indice di fiducia dei consumatori ma sale quello delle imprese

A giugno 2022 si stima una diminuzione dell’indice del clima di fiducia dei consumatori (da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.