Filiera legno-arredo, andamento positivo nel primo semestre 2022

Andamento positivo anche nel primo semestre 2022, seppur con i primi segnali di rallentamento. Si possono sintetizzare così i risultati della filiera legno-arredo, stando alle ultime rilevazioni elaborate dal Centro studi FederlegnoArredo su un campione rappresentativo di aziende (Monitor). Nel loro complesso la variazione delle vendite per la filiera L-A rispetto al 1° semestre 2021 è stata del +22,2%, sintesi del +26,7% delle vendite Italia e del +16,3% delle esportazioni. Nel trimestre gennaio-marzo 22 le vendite superavano del 24,5% in valore quelle del corrispondente trimestre 2021, con un +27,2% del mercato italiano e un +21% dell’estero. La minore dinamicità dell’export si riflette maggiormente sui risultati del macro-sistema arredamento e illuminazione (che esporta per oltre il 50% della produzione), che nel primo semestre registra un incremento dei ricavi del 15,5%, positivo ma inferiore a quello della filiera nel suo complesso, con un andamento più dinamico per l’Italia (+18,3%) indubbiamente trascinato dai bonus edilizi, rispetto all’estero (+13,1%). Anche i dati Istat confermano una minore dinamicità dell’export che per la filiera segna un +18,4% a gen-giu 2022 su gen-giu 2021, rispetto a un +21,3% di gen-mar 2022 su gen-mar 2021 e a un +16% di aprile-giugno, perdendo 5 punti percentuali. Nel macrosistema arredamento la dinamicità iniziata nei primi tre mesi del 2022 (+20,5%) sta subendo un rallentamento (+16,7%).

Lo scenario politico nazionale e internazionale “rende molto complesso, per non dire impossibile, agli imprenditori azzardare qualsiasi tipo di previsione: seppur con tutte le incertezze dovute al contesto economico e geopolitico, il sentiment complessivo è che ci sia un progressivo rallentamento rispetto al 2021 che consente comunque al settore di mantenere un risultato positivo anche nel 2022 e con valori superiori al pre-Covid”.

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Siccità, sul Tavo a rischio il fagiolo Tondino

“Quest’anno, a causa delle scarse precipitazioni la diga di Penne non si è riempita e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *