Quasi 250 stalle crollate nel teramano

Ammonta a quasi 250 il numero di stalle crollate nel Teramano a seguito della recente ondata di maltempo che ha colpito l’intera provincia, dato che costituisce oltre l’87% del totale di 282 registrato nell’intera regione Abruzzo nei giorni tra il 17 e il 21 gennaio scorsi. Sono alcuni dei numeri illustrati dai componenti del Tavolo di coordinamento delle emergenze zootecniche e veterinarie, al quale hanno contribuito personale dei Comando Carabinieri Forestale, dell’Istituto zooprofilattico “G. Caporale”, Asl, Cives Protezione Civile, Guardie ambientali, Oipa, Gran Sasso Laga Park e Servizi veterinari della Regione Abruzzo. Le conseguenze del maltempo hanno provocato grandi difficolta’ agli allevatori in particolare, che lamentano pesantissime perdite di capi, deceduti e menomati sotto il crollo di tettoie e capannoni, o che registrano un drammatico calo della produzione di latte e carne, per lo stress cui sono stati sottoposti i capi superstiti. Soltanto nel settore avicolo si conta la mori’a di oltre 150 mila polli, cosi’ come e’ ancora in corso il calcolo dei suini uccisi dai crolli provocati dall’eccezionale nevicata: in un allevamento di Castel Castagna, su una popolazione presente di oltre 11mila maiali, almeno 3mila non sono scampati ai danni. Analogo discorso per i bovini (151 decessi) e gli ovi-caprini (1.157 decessi).

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Contributi della Regione Abruzzo per aiuti a lavoratori e imprese colpiti dall’emergenza Covid-19

Quattro bandi pubblici per lavoratori e imprese che hanno avuto danni dal blocco dell’attività dovuto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.