Saraceni: ridurre il carico di tributi locali per le piccole imprese

Una soluzione per alleviare il carico dei tributi locali pagato dalle piccole imprese artigianali e commerciali, a cominciare dalla Tari, la tassa sui rifiuti. A chiederlo e’ il presidente regionale di Cna Abruzzo, Savino Saraceni, che rivolge un appello pubblico al presidente dell’Anci Abruzzo, il sindaco di Teramo Gianguido D’Alberto, “affinche’ si faccia interprete, attraverso l’Associazione nazionale dei Comuni d’Italia, di un’istanza nei confronti del governo: in modo da trovare una soluzione adeguata a un problema che incide fortemente su bilanci di imprese che la pandemia ha contribuito a minare fin nelle fondamenta”. Per Saraceni “ci troviamo di fronte a tantissime attivita’ che in questi mesi, per effetto delle chiusure totali o delle restrizioni legate alle misure statali o regionali, hanno patito danni gravissimi ai loro ricavi, con perdite enormi. Per effetto di questa limitazione, pero’, la loro produzione effettiva di rifiuti si e’ drasticamente ridotta, ragion per cui la pressione tributaria andrebbe ora rideterminata e ricalcolata: perche’ e’ evidente che non si puo’ pagare lo smaltimento di rifiuti che non si sono prodotti”. A detta del presidente regionale della Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa, “la mera sospensione dell’emissione delle cartelle, adottata dai Comuni, pur essendo un provvedimento apprezzabile, non puo’ essere considerata misura definitiva: a nostro avviso, anche attraverso l’intervento del Governo, deve essere consentito alle amministrazioni locali di poter ricalcolare gli importi, senza per questo dover patire danni alla raccolta e smaltimento del pattume. Per questo crediamo che gli interessi di amministrazioni locali e imprese coincidano”

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Fondi europei, accordo tra l’universita’ di Teramo e la Fira

Mettere in atto sinergie per realizzare programmi, progetti e iniziative nel settore della programmazione europea …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *