Sviluppo rurale, approvato complemento di programmazione con 354 milioni

È stata approvato dalla Giunta regionale, nella seduta del 29 dicembre 2022, il Complemento di programmazione Abruzzo per lo Sviluppo Rurale 2023-2027 (CSR) che indica gli interventi dello sviluppo rurale che la Regione attuerà nel proprio territorio a partire dal prossimo 1° gennaio 2023, quale declinazione, in termini programmatici, del Piano Strategico Nazionale della PAC 2023/2027, approvato dalla Commissione europea lo scorso 2 dicembre 2022.

Lo rende noto il vicepresidente della Giunta regionale con delega all’agricoltura Emanuele Imprudente. Il documento di programmazione regionale per il periodo 2023/2027 rappresenta il frutto di un proficuo ed intenso processo di condivisione con tutti i portatori d’interesse del territorio regionale e con il tavolo di partenariato della PAC 2023/2027 appositamente costituito, processo che il Vicepresidente della Giunta regionale, Emanuele Imprudente e la Direttrice del Dipartimento Agricoltura, Dott.ssa Elena Sico, insieme ai Dirigenti e ai Funzionari del medesimo Dipartimento, hanno intrapreso sin dal 2020, congiuntamente alla partecipazione ai tavoli istituiti dal Ministero.

Il CSR reca una dotazione di 354 milioni di euro, provenienti dall’UE (42,5%, fondo europeo FEASR), dallo Stato (40,25%) e dalla Regione (17,25%), sulla base del riparto approvato dalla Conferenza Stato-Regioni lo scorso 21 giugno 2022.

La programmazione regionale per lo sviluppo rurale 2023-2027 presenta molte novità rispetto a quella del 2014-2022. In particolare, al fine di accrescere le opportunità di liquidità e facilitare l’accesso ai finanziamenti da parte delle aziende agricole abruzzesi, per alcuni interventi sarà possibile utilizzare gli Strumenti Finanziari (SF) in combinazione con il sostegno erogato sotto forma di sovvenzioni. Tale opportunità riguarda in particolare gli investimenti produttivi nelle aziende agricole, gli investimenti produttivi a finalità ambientale nelle aziende agricole e gli investimenti nella trasformazione, nella commercializzazione e nello sviluppo di prodotti agricoli. Inoltre, tra gli interventi attivati dalla Regione Abruzzo ve ne sono alcuni non presenti nella programmazione 2014-2022 e che rappresentano una leva molto importante per migliorare la sostenibilità sociale, ambientale ed economica del territorio. Tra questi in particolare: l’intervento finalizzato a migliorare il benessere animale; l’intervento sull’apicoltura; l’intervento relativo alla riduzione dei fitofarmaci.

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Fira, confronto con Cassa Depositi e Prestiti sullo sviluppo sostenibile del territorio

Cassa Depositi e Prestiti, Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome e Finanziarie regionali tornano a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *