A Sulmona sei cavalli al pascolo per pulire il parco dalle erbacce

Il comune di Sulmona si affida ai vecchi metodi per ripulire il Parco Fluviale “Augusto Daolio”. Sei cavalli sono all’opera per liberare il polmone verde della citta’ dalle erbacce. Il parco e’ attualmente chiuso proprio perche’ inagibile e pericoloso a causa di un paio d’alberi caduti nei mesi per il maltempo e per l’erba troppo alta. L’idea di impiegare cavalli e prossimamente anche un gregge di pecore per sfoltire le erbacce e’ stata lanciata nei giorni scorsi dall’assessore ai Lavori pubblici, Mauro Tirimacco e subito messa in atto. “Ho constatato sul campo che e’ stata di sicuro una buona idea – ha commentato Tirimacco – qualcuno avra’ avuto anche da obiettare ma l’idea funziona: il Comune ripulisce l’area senza spendere un euro e i cavalli hanno erba fresca a volonta’ di cui sfamarsi”. I quadrupedi sono stati messi a disposizione da un allevatore peligno soddisfatto

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Nell’Arcidiocesi di Chieti-Vasto niente funerali ‘perche’ i sacerdoti sono anziani’

Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto niente funerali "perche' i sacerdoti sono anziani". Nonostante il decreto emanato giorni fa dal Presidente Conte che prevede l'ok allo svolgimento delle esequie con un massimo di 15 congiunti e con il rispetto delle regole sul distanziamento, per il momento resta in vigore il divieto di svolgere i funerali. Cosi' in una nota il vicario generale, don Cassio Menna: "Reverendissimi confratelli, in riferimento alla comunicazione del Ministero dell'Interno e della successiva nota complementare del 30 aprile a firma del segretario generale della Cei che - a determinate condizioni - permette dal 4 maggio la celebrazione delle esequie anche con la celebrazione eucaristica, l'arcivescovo mi ha incaricato di comunicare che: considerata l'eta' avanzata di molti sacerdoti della nostra Arcidiocesi e la conseguente esposizione al pericoloso rischio di contagio; nonche' l'impossibilita' per molte delle nostre piccole parrocchie di ottemperare a tutte le condizioni elencate nella nota complementare; al fine di uniformare la prassi nella nostra Arcidiocesi di Chieti-Vasto si continuera', fino a nuova comunicazione, a benedire la salma come fatto finora".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *