I lavori che piacciono meno sono lavapiatti e badante

Una ricerca della rivista Spot and Web svolta fra ragazzi di età compresa fra i 16 e 25 anni con titoli di studio svela che ci sono lavori che non si vorrebbero mai fare. In testa c’è quello del lavapiatti (19%) giudicato “sottopagato, faticoso”, segue il ruolo di badante (17%) ritenuto “poco igienico, deprimente e a prova di nervi”. Terzo in classifica il lavoro di postino (14%), “precario, bisogna alzarsi presto la mattina”, a pari merito con l’operatore ecologico, visto ancora come “umiliante socialmente e sporco”. Appena giù dal podio il cameriere (12%), definito “usurante e poco appagante dal punto di vista professionale”. Quinta posizione per il parcheggiatore (10,5%), “poco edificante e incline all’abusivismo”, seguito dall’operaio edile (8%), considerato “troppo pesante e pericoloso allo stesso tempo”.

Settima piazza per il benzinaio (6,5%), assolutamente “senza sbocchi e noioso”, mentre il lavoro del camionista (4,5%) è “alienante e pieno di rischi per sé stessi e per gli altri”. Nono posto per l’operaio agricolo (3%), recepito come “antico e gravoso, con mansioni massacranti”. Chiude questa speciale top ten il lavoro di addetto alle pulizie: secondo il 2% degli intervistati è “roba da extracomunitari, deprimente e logorante”. Al campione è stato chiesto se fosse disposto a lavorare il sabato e la domenica. Ebbene, il 35% preferisce di no, il 32% lo farebbe malvolentieri, il 20% solo se costretto, il 10% sì senza esitazioni. Qual è il passatempo preferito di questi giovani? Stare sui social (41%) vince a mani basse, seguito da passare il tempo e uscire con gli amici (33%), fare sport (29%), videogiochi / playstation (25%), ascoltare musica (23%) e andare al cinema (19%). Tornando sul tema lavoro, il 23% di dice disposto a cambiare città per esigenze lavorative. Per il 22% dipende dalla città mentre per un altro 23% è determinante di che tipo di lavoro si tratta. Solo l’8% non si trasferirebbe per un impiego. Disposto a lavorare in agosto? Anche in questo caso prevale il no (27%), che preferirebbe godersi le vacanze estive, mentre il sì è al 17%. Infine, perché i giovani non accettano un lavoro umile? Prima di tutto perché alcuni sono laureati (29%), poi perché vedono un simile impiego come un danno alla loro immagine (27%). Per il 23% si tratta di lavori troppo pesanti e faticosi mentre c’è chi, piuttosto di fare un lavoro del genere, preferisce stare a casa e godersi la disoccupazione (16%) o continuare a farsi mantenere da mamma e papà (13%) o, ancora, affidarsi alle pensioni dei nonni (9%).

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Il 25 per cento degli europei dorme male per l’insicurezza finanziaria

L’attuale insicurezza finanziaria incide sul sonno di un quarto degli europei, così svela un’indagine condotta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *