Ospedale di Chieti, l’acqua santa la dà il dispenser

È stata considerata poco igienica l’acquasantiera che da anni era collocata nella cappella dell’ospedale di Chieti. Al posto dell’acquasantiera, un dosatore in metallo che contiene acqua benedetta. L’iniziativa è di Padre Renato Salvatore, camilliano approdato da sei mesi al SS. Annunziata. “Nella pulizia della vasca in tante occasioni ho riscontrato una patina sul fondo – spiega il sacerdote – dove facilmente possono svilupparsi microrganismi dannosi per la salute. Un rischio a cui non possono essere esposti quanti frequentano un ospedale, che siano degenti, visitatori o pazienti esterni, potenziali moltiplicatori di infezioni che, invece, possono essere evitate facendo ricorso a un più igienico dispenser. Certo è privo di qualunque valore artistico o di pregio, ma garantisce ugualmente la funzione fondamentale di mettere a disposizione dei fedeli l’acqua benedetta, un sacramentale importante nel gesto del segno di croce per implorare la grazia divina”. A breve un’acquasantiera in marmo sarà ripristinata sotto il dispenser, ma unicamente per evitare che gocce in eccesso finiscano a terra, e poi perché simbolicamente resterà a segnalare in quel punto la presenza dell’acqua benedetta. 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

In Italia si bevono piu’ tisane che the

In Italia sembra scoppiata la tisana-mania, ma declinata nelle quattro stagioni con bevande sia calde …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.