Al sud il 18.5 per cento dei giovani abbandonano studio e formazione

Il Mezzogiorno è l’area nella quale i giovani tra 18 e 24 anni con al piu’ la licenza media abbandonano sia lo studio che la formazione professionalizzante. Se, infatti, in media in Italia questi giovani sono poco meno del 14%, al Sud raggiungono il 18,5%, mentre al Nord si fermano all’11,3% e al Centro al 10,7%. E sono piu’ i maschi che le femmine a interrompere gli studi: i ragazzi meridionali sono ben il 21,5%, le ragazze del Sud il 15,2%. Si tratta di elaborazioni SVIMEZ su dati ISTAT presentati oggi a Roma nel corso del seminario su “Il sistema educativo nell’Italia dei dualismi. Una discussione a partire dal “Education&Training Monitor 2017”, organizzato dalla SVIMEZ e dalla Rappresentanza della Commissione europea in Italia. Al seminario, coordinato da Luca Bianchi, Direttore della SVIMEZ, sono intervenuti Daria Ciriaci, della Rappresentanza della Commissione europea in Italia, Francesco Avvisati dell’OCSE e Gaetano Vecchione, dell’universita’ federiciana di Napoli. Al successivo dibattito hanno preso parte Adriano Giannola, Presidente della SVIMEZ, Francesco Sinopoli, Segretario della FLC-CGIL e Roberto Torrini, della Banca d’Italia, gia’ Direttore ANVUR. 

 Dalle analisi e dal confronto sono emerse le profonde differenze territoriali, e soprattutto, come in alcune provincie, in particolare meridionali, quasi un giovani ogni quattro abbandoni la scuola o la formazione professionale. Cio’ comporta un troppo basso livello di competenze al Sud, che rende ancor piu’ difficile l’accesso al mercato del lavoro.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Occupazione femminile in calo per la prima volta dal 2013

Nell’anno in cui il Covid ha fermato le attivita’ produttive, il lavoro femminile in Italia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *