Arriva a inizio 2019 l’aumento biennale delle multe

Arriva a inizio 2019 l’aumento biennale degli importi delle sanzioni al Codice della Strada. Lo ricorda l’Asaps, associazione sostenitori e amici della polizia stradale, che nei giorni scorsi aveva provveduto ad avanzare una proiezione che stabiliva un aumento del 2,4%. Nei giorni scorsi, Istat ha comunicato l’indice biennale che è propedeutico a quanto previsto dall’art. 195 del Codice della Strada (decreto legislativo nr. 285/1992 e successive modificazioni ) comma 3: ”la misura delle sanzioni amministrative pecuniarie è aggiornata ogni due anni in misura pari all’intera variazione, accertata dall’Istat, dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (media nazionale) verificatasi nei due anni precedenti”. Istat ha comunicato un aumento del 2,2% tra dicembre 2016 e novembre 2018. ”Ovviamente – precisa l’Asaps – occorre attendere l’ufficialità con la pubblicazione del decreto del Ministero dell’Economia sulla Gazzetta Ufficiale a fine anno e gli incrementi entreranno in vigore dal 1° gennaio 2019”. Se fosse confermato l’aumento del 2,2% – stando a quanto calcolato da Asaps – i divieti di sosta semplici dovrebbero passare da 41 a 42 euro, le violazioni alle Ztl e alle corsie bus da 81 a 83, uso del cellulare alla guida da 161 a 165 euro, l’omessa revisione da 169 a 173 euro, l’eccesso di velocità di non oltre 10 km/h rispetto al limite da 41 a 42 euro, l’eccesso di velocità fra 10 e 40 km/h oltre il limite da 169 a 173 euro, l’eccesso di velocità fra 40 e 60 km/h oltre il limite da 532 a 544 euro, l’eccesso di velocità di 60 km/h oltre il limite da 829 a 847 euro. La percentuale dell’aumento delle sanzioni è ufficiale 2,2%. Occorre però attendere l’ufficialità con la pubblicazione del decreto del ministero dell’Economia sulla Gazzetta Ufficiale a fine anno e gli incrementi entreranno in vigore dal primo gennaio 2019.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Pnrr, attivato il catalogo nazionale dati dall’Istat

L’Istat, in collaborazione con il Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.