Bankitalia: oltre il 60% delle famiglie non arriva a fine mese

Oltre il 60 per cento delle famiglie dichiara di avere difficolta’ economiche ad arrivare alla fine del mese, 10 punti percentuali in piu’ rispetto al periodo precedente la pandemia. E’ quanto emerge dalla quarta edizione dell’Indagine straordinaria sulle Famiglie italiane sugli effetti della pandemia. La percentuale, secondo Bankitalia, e’ aumentata di oltre 20 punti (al 65 per cento) per i nuclei il cui capofamiglia e’ un lavoratore autonomo. Poco meno del 40 per cento delle famiglie riporta che negli ultimi dodici mesi si e’ verificato che il reddito familiare non fosse sufficiente a coprire le spese; quasi la meta’ di queste riferisce che in assenza di reddito o trasferimenti non disporrebbe di risorse finanziarie proprie per far fronte ai consumi essenziali nemmeno per un mese.

Quasi il 70 per cento delle famiglie prevede per l’anno in corso un reddito pari a quello percepito nel 2020. Poco piu’ di un sesto si attende che sara’ inferiore e tale quota sale a un quarto tra coloro che ritengono che l’emergenza sanitaria si protragga piu’ a lungo (almeno per altri due anni). Poco meno di un terzo dei nuclei riporta di aver percepito nell’ultimo mese un reddito piu’ basso rispetto a prima dello scoppio della pandemia: il calo e’ piu’ diffuso tra quelli con capofamiglia lavoratore autonomo o disoccupato e nelle zone che al momento dell’intervista erano maggiormente colpite dall’emergenza sanitaria (zone arancioni e rosse). Il peggioramento delle condizioni reddituali ha continuato a essere mitigato dalle misure di sostegno al reddito: tra dicembre del 2020 e febbraio del 2021 ne avrebbe beneficiato un quarto delle famiglie

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Pil, l’Istat alza la stima al 6,7 per cento e cala l’indebitamento delle Amministrazioni Pubbliche

Nel 2021 il tasso di variazione del Pil in volume è pari a +6,7%, con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.