Biotech, in Italia il 70% delle imprese con fatturato stabile

typing, mac

Circa il 70% delle intervistate ha dichiarato un fatturato stabile, se non in aumento. Quello delle biotecnologie in Italia e’ un settore che, anche in un momento difficile come e’ stato quello della pandemia, ha saputo fronteggiare al meglio condizioni e imprevisti dai contorni indefiniti. Infatti i risultati di un breve sondaggio, effettuato tra maggio e giugno 2021 a un campione di imprese tra quelle seguite per l’elaborazione del rapporto e finalizzato a fotografare il comparto a un anno dalla pandemia e dalle norme che hanno regolato le attivita’ economiche e occupazionali, mostra che la dimensione ridotta delle imprese e la vocazione all’export (anche se nella maggior parte dei casi per meno di un terzo rispetto al totale prodotto) non hanno impedito alle imprese di affrontare le nuove condizioni, dimostrando resilienza e un buon grado di adattamento.

Per coloro che hanno assistito a una sua diminuzione si parla di percentuali comprese tra il 20% e il 50% e si stima un rientro dei volumi precedenti in circa un anno. Per le imprese colpite dalla pandemia e’ stato possibile accedere agli aiuti straordinari e ai finanziamenti garantiti dallo Stato, utilizzati peraltro da una quota ristretta delle aziende coinvolte. Nonostante le limitazioni imposte, la maggioranza delle aziende intervistate e’ tuttavia riuscita a organizzarsi contando sulle proprie riserve e in funzione del contesto. Considerando, ad esempio, il livello dell’occupazione, si rileva che questo e’ rimasto stabile grazie anche a una ripianificazione che ha consentito il prosieguo delle attivita’; per alcune imprese si e’ registrato addirittura un aumento della forza lavoro. Interessante osservare per la gran parte delle imprese una tenuta delle attivita’ di R&S: e’ stato possibile, quindi, salvaguardare la quota di attivita’ aziendali destinate all’innovazione. Circa le prospettive future sembra che le attivita’ per il prossimo periodo si concentreranno su piu’ fronti: in particolare si stanno pianificando nuove aree di attivita’/ricerca per rispondere alle esigenze della popolazione (attivita’ di screening, prevenzione).

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Sono 5450 i tesori del Made in Italy alimentare

Sono 5450 i tesori del Made in Italy alimentare censiti, messi a rischio dall’esplosione dei …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *