Confcommercio, calo della fiducia dei consumatori per rassegnazione

“Sotto la superficie piatta della stabilita’ dei climi di fiducia si cela una pericolosa stanchezza di famiglie e imprese dopo quasi un anno di pandemia. Consumi e investimenti non ripartono, anche in ragione del perdurare dei vincoli all’attivita’ economica. Incertezza e sfiducia permangono come si vede dal confronto esteso a periodi superiori al mese”. Questo il commento dell’Ufficio Studi di Confcommercio ai dati diffusi oggi dall’Istat. “Rispetto a settembre 2020 – continua la nota – l’indice di fiducia dei consumatori e’ sotto di 14 punti percentuali, quello complessivo delle imprese di 3,4 punti mentre quello specifico per il settore turistico a gennaio e’ ancora inferiore di quasi il 38% rispetto a cinque mesi prima. Nello stesso periodo, la riduzione dell’indice del clima di fiducia delle imprese della distribuzione tradizionale e’ calato del 15%. Pertanto, la stabilita’ dei dati mensili e’ una pessima notizia”. In quest’ottica, conclude l’Ufficio Studi, “e’ fondamentale delineare, chiaramente ed in tempi rapidi, uno scenario di sviluppo del Paese per i prossimi anni, anche per disinnescare l’insidia della rassegnazione che mina le prospettive di ripresa a breve, con o senza le ingenti risorse europee in procinto di giungere all’Italia”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Legambiente, ogni cento metri lineari di spiaggia c’e’ una media di 783 rifiuti

Ogni cento metri lineari di spiaggia c’e’ una media di 783 rifiuti; di questi la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *