Cresce la domanda delle stanze in affitto

Cresce la domanda delle stanze in affitto, specialmente nelle città universitarie o a forte presenza di studenti o lavoratori fuori sede, e i prezzi lievitano in Italia. L’aumento medio è del 3% nel 2019, il prezzo medio è di 328 euro al mese. A rilevare il trend è l’Ufficio studi di Idealista, la piattaforma di annunci del mercato immobiliare, che ha condotto un’indagine per l’Adnkronos nell’imminenza dell’apertura dell’anno accademico negli atenei italiani. Quest’anno quindi si paga in media 328 euro al mese contro i 318 euro dell’anno scorso. L’andamento crescente dei prezzi non interessa tuttavia in uguale misura tutte le città monitorate e i centri di maggiore attrazione studentesca, anche se la domanda resta viva registrando un incremento addirittura del 43%, a dispetto di chi condivide la casa con altri, in primis per risparmiare. La notizia positiva però è che se aumentano i prezzi e la domanda di camere in affitto dall’altro canto sale anche l’offerta, anche se in misura minore, registrando in media un +28%. Le piazze più gettonate sono le città universitarie, Padova spicca al primo posto con un rincaro del 18,6% e un prezzo medio di 307 euro mentre Milano è la città più cara, qui occorrono di media 465 euro al mese per una stanza. 

 A seguire Roma con 408 euro, mentre a Firenze si toccano i 393 euro. Sopra la media nazionale delle richieste, pari a 328 euro mensili, si colloca anche Bologna (371 euro), mentre Torino rimane appena sotto la media con 319 euro mensili. Tra gli aumenti più alti l’indagine rileva quelli di Bologna (+8,7%) e Trieste (+13,3%). Segni positivi interessano anche i capoluoghi più importanti, come Roma (2,1%), Milano (3,1%), Napoli (3,5%) e Firenze (4,5%), che resistono in terreno positivo consolidandosi tra i top valori nella graduatoria dei canoni di affitto stanze. Mentre sul totale delle 29 città analizzate nello studio di Idealista, sono 8 quelle che perdono valore rispetto all’anno precedente. Il primato nel calo delle locazioni delle stanze spetta a Reggio Calabria (-7,9%), seguita da L’Aquila (-6,4%), Genova (-3,7%), Viterbo (2,5%) e Pisa (-2,2%). Cali meno consistenti invece in città come Perugia (-1%), Chieti (-0,6%) e Torino (-0,4%). Lo studio di idealista riscontra inoltre i canoni più bassi a L’Aquila (191 euro/mese), che precede Enna (189 euro) e Reggio Calabria (186 euro). 

Il rapporto delinea anche un identikit del coinquilino italiano. L’età media è di 29 anni, segno che l’affitto della stanza singola e le case in condivisione non sono più a uso esclusivo di studenti fuori sede, ma anche di lavoratori e single. L’età dei conviventi va dai 33 anni de L’Aquila ai 24 di Viterbo. Firenze (31) tra le grandi città è quella con l’età media dei coinquilini più alta davanti a Napoli (30) Roma (29), Milano (28) e Torino (27). Lo studio rivela che il 77% delle convivenze sono miste (uomini e donne); la coabitazione tra sole donne ricorre nel 17% dei casi; convivenze solo maschili, solo nel 5% dei casi. Ancora una curiosità sui coinquilini riguarda la presenza di animali domestici dentro casa, ammessi nel 71% dei casi. Decisamente meno graditi invece i fumatori, tollerati solo in un alloggio su due. L’indagine online rivela che solo 1 inquilino su 2 si dice soddisfatto dell’abitazione in cui vive in condivisione. Tra i criteri di scelta della stanza il prezzo è il fattore “guida” per l’81% degli utenti, seguito dalla vicinanza ai mezzi di trasporto pubblico, ritenuta “molto importante” o “indispensabile” per il 79% dei rispondenti, e coinquilino giusto (69% delle risposte). Altre caratteristiche che motivano la scelta dell’alloggio sono lo stato dell’abitazione (arredata, ristrutturata, etc.) con il 63% delle preferenze e la vicinanza al centro (56,7%).

 Gli utenti sarebbero più soddisfatti se le bollette fossero incluse nel prezzo (39% dei rispondenti), se la casa fosse dotata di mobili e elettrodomestici in buono stato (29%), con il bagno indipendente (10% delle risposte degli utenti). Il prezzo “giusto” indicato dagli utenti per questo genere di soluzione abitativa è di 300-400 euro mensili. Interessante che il 18% dei rispondenti al questionario ritenga il prezzo corretto per la stanza ideale tra i 400 e i 500 euro.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Turismo, si prevede un’estate a contatto con la natura

Per l'estate che verra', Alpitour ha raccolto una selezione di 111 strutture in Italia che privilegiano la privacy e vanno incontro alle ultime esigenze dei viaggiatori: le proposte appartengono alla linea AlpiGreen e ai cataloghi Mare in Italy e Montagna, che propongono soluzioni indipendenti e a stretto contatto con la natura, per dare risposte concrete a chi vuole andare in vacanza in sicurezza, ma senza rinunciare al comfort. L'Italia e' entrata nella fase due, una speranza che apre l'orizzonte dopo mesi di lockdown che ha messo a dura prova ogni settore e costretto a casa tutti noi. Le restrizioni si stanno gradualmente allentando, ma e' inevitabile che la prossima estate portera' con se' regole stringenti ed esigenze inedite per i viaggiatori di tutto il mondo: le ricerche segnalano una forte propensione a partire, pur privilegiando un turismo di prossimita', attento agli spazi e alle attivita' all'aperto. Nuove esigenze a cui Alpitour ha risposto con 111 proposte in Italia, selezionate perche' immerse nel verde e particolarmente adeguate al nuovo scenario post emergenza: si tratta della nuova linea AlpiGreen e del catalogo Montagna, che presentano 30 soluzioni, oltre al catalogo generalista Mare in Italy

Negli ultimi anni, l'attenzione alla natura si e' progressivamente consolidata come filosofia e stile di vita, orientando sempre piu' le scelte dei consumatori. Per questo, ancor prima dell'avvio dell'emergenza, Alpitour ha scelto di realizzare il catalogo AlpiGreen, con un'ampia collezione di proposte fra glamping, lodge e mobil home, per vacanze ad "ampio respiro" e a stretto contatto con l'ambiente, pur senza rinunciare alla cura dei dettagli e ai comfort. Si tratta di soluzioni indipendenti, che consentono il pieno rispetto della privacy e di poter passare molto tempo all'aria aperta, grazie anche agli spazi privati disponibili, come verande e giardini. Fra le destinazioni, ovviamente il focus principale sara' l'Italia, con ben 12 proposte: quattro in Sardegna, due in Toscana, due in Veneto e altre in Puglia, Lazio, Abruzzo e Friuli. Sono tutte raggiungibili anche autonomamente e in grado di offrire una totale liberta' di gestione della vacanza, oltre ad essere situate in posizioni strategiche, in riva al mare e a breve distanza da centri di interesse, permettendo cosi' di poter effettuare anche escursioni private alla scoperta delle bellezze del territorio circostante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *