Legambiente, citta’ italiane lontane da obiettivi mobilita’

Maglia nera a Roma, ma non fanno bene neanche Ancona, Cagliari, Catania, Padova, Perugia e Pescara fra le citta’ italiane piu’ inquinate e meno sicure per traffico e incidenti stradali mentre Bologna, Milano e Firenze hanno appena la sufficienza per aver adottato politiche per potenziare ciclabilita’, “strade 30 e 20 all’ora”, elettrificazione di mezzi pubblici e sharing mobility. Ancora insufficienti, nonostante gli sforzi, Genova, Padova e Torino. E’ quanto emerge dal bilancio di “Clean Cities”, una nuova campagna itinerante di Legambiente che dall’8 marzo al 9 aprile ha sottoposto a “stress test” 15 capoluoghi italiani (ai precedenti vanno aggiunti Bari e Palermo) accendendo i riflettori sul ruolo che possono giocare per una ripartenza green e per contrastare i cambiamenti climatici attraverso i principali indicatori urbani come ciclabilita’, mobilita’ elettrica, sicurezza e inquinamento atmosferico. Le citta’ italiane, sottolinea in sintesi Legambiente, “sono ancora molto lontane dagli obiettivi di mobilita’ sostenibile e sicurezza fissati al 2030”. Da 1 a 5 per stato del traffico e sicurezza Roma ha zero, Pescara, Perugia, Padova, Catania Caglia e Ancona 1, Firenze e’ l’unica a 3 e le altre hanno voto 2. Per le politiche al 2030 Catania ha zero, Bologna, Firenze e Milano hanno 3 e le altre fra 1 e 2.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Diritto all’oblio e libertà di informazione: quale bilanciamento?

di Federica De Stefani* L’annoso problema del bilanciamento tra il diritto all’oblio e la libertà …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *