Prezzi alimentari in calo a maggio

I prezzi alimentari mondiali sono scesi a maggio, sotto l’effetto di un “significativo” calo del prezzo dei cereali e degli oli vegetali. Lo rende noto la Fao, il cui indice dei prezzi alimentari – che tiene traccia delle variazioni dei prezzi internazionali per un paniere di materie prime – e’ sceso del 2,6% rispetto ad aprile. Nel dettaglio, l’indice Fao dei prezzi dei cereali e’ sceso del 4,8% su base mensile, guidato dal mais, il cui costo e’ sceso di circa il 10%, “a causa delle prospettive di produzione favorevoli e della debole domanda di importazioni”. L’Indice dei prezzi dello zucchero e’ invece salito del 5,5% a maggio e ha registrato il suo quarto aumento mensile consecutivo. Si trova ben al di sopra del livello di un anno fa (+31%). Le forniture globali di zucchero stanno “diminuendo”, rileva la Fao, mentre preoccupa l’impatto del fenomeno climatico El Nino sui raccolti della prossima stagione.

I prezzi del grano, le cui riserve sono anch’esse abbondanti, sono diminuiti del 3,5%, in particolare a causa del rinnovo del corridoio cerealicolo marittimo ucraino a meta’ maggio per un periodo di due mesi. Gli oli vegetali sono calati ancora piu’ drasticamente, scendendo dell’8,7% in un mese, con una media del 48,2% al di sotto del livello di un anno fa. Il raccolto “eccezionale” di soia in Brasile, l’abbondante offerta di colza e girasole e l’aumento della produzione di olio di palma, di difficile esportazione, hanno chiaramente pesato sui prezzi.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Un ettaro su cinque di Sau agricola è biologico. Italia leader nell’Ue

Il 2023, primo anno di applicazione della nuova PAC, ha visto crescere in Italia le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *