Abruzzo, ripartono gli sport da contatto aperti al pubblico

In Abruzzo ripartono gli sport da contatto e, novita’ assoluta in Italia, anche con misure che prevedono la presenza del pubblico, in modo da consentire lo svolgimento anche di esibizioni, gare, manifestazioni e allenamenti. Lo annuncia l’assessore regionale allo Sport, Guido Liris. “Lunedi’ – dice Liris -, dopo un esame attento effettuato dal Comitato tecnico scientifico regionale, per il quale ringrazio sia l’assessore alla Sanita’ Nicoletta Veri’ che il direttore del Dipartimento, Claudio D’Amario, su un provvedimento messo a punto gia’ da qualche tempo, sara’ firmata un’ordinanza che, finalmente, consentira’ di far ripartire definitivamente un comparto che la Regione ha tenuto in estrema considerazione fin dal primissimo post-emergenza coronavirus. L’atto sara’ firmato in maniera congiunta dal sottoscritto e dall’assessore Veri’. Dopo aver consentito la ripartenza degli sport da contatto attraverso specifici protocolli di distanziamento, infatti, ora in Abruzzo si potra’ ricominciare ad allenarsi, a gareggiare, a esibirsi e a organizzare gare senza tenere conto di particolari restrizioni sul piano squisitamente sportivo. In piu’ siamo pronti a consentire la presenza del pubblico, attraverso modalita’ specifiche”.

“In questo modo – aggiunge Liris – la Regione recepira’ le istanze giunte dalle Federazioni sportive, con le quali il confronto e’ stato continuo e sempre proficuo. Purtroppo la Regione, sia per quanto concerne le competenze in materia sanitaria che per quelle sullo sport, si e’ dovuta far carico di responsabilita’ che il governo nazionale Pd-M5s non si e’ voluto assumere. Fino alle ultimissime ore, infatti, e’ stata ribadita la volonta’ di non decidere nulla sulla fine del distanziamento sociale in questo ambito. Grazie al provvedimento che sara’ emanato lunedi’ si potranno organizzare le gare e saranno”salvate” le giornate dedicate al Giro d’Italia nel mese di ottobre”

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Legge regionale urbanistica, il centrosinistra: cemento, deregulation e illegittimità, troppe cose non vanno nel testo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *