Carbone: (Azione) la rimozione di Febbo conferma il ruolo marginale di Forza Italia

“L’Abruzzo oggi è ostaggio di un regolamento di conti interno al centro destra in uno dei momenti più difficili per il territorio, con una emergenza pandemica in atto e numerose vertenze aziendali da gestire e risolvere, in tutto ciò Forza Italia conferma con la rimozione di Febbo un ruolo marginale in regione e posizioni di governo regionale non supportate da numeri”, lo afferma Alessandro Carbone (Referente Azione di Calenda).
.
“Dal punto di vista politico e territoriale esiste un mondo liberale, cattolico e centrista che  non ha rappresentazione, ma che esiste e che è espressione di chi non si rassegna a votare Lega/FDI da una parte  o in alternativa PD /M5s dall’altra.  Questo mondo è composto  dalla maggioranza degli Abruzzesi, anche da elettori di Forza Italia e da una parte di classe dirigente che non ci sta a subire l’umiliazione di un ruolo marginale e che hanno intenzione di ripensarsi.  L’Abruzzo dovrà trovarsi pronto ad accogliere la sfida  di una nuova forza liberale, cattolica e moderata che abbia come assoluta priorità gli interessi degli Abruzzesi governando dall’Abruzzo per l’Abruzzo e non un regolamento di conti interno per la spartizione di poltrone e potere da una parte e immobilismo guidato da Roma  di un opposizione dall’altro”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Sociale, Quaresimale: dal 30 gennaio operativi i tirocini inclusivi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *